26/05/2022 ore 01:27
Paga l'assicurazione auto via internet, ma ad un controllo dei carabinieri scopre di essere stato truffato
Girava, senza saperlo con un tagliando assicurativo falso, ovvero che non corrispondeva a nessuna polizza. E' successo a Terni, dove i carabinieri della stazione di Collescipoli hanno scoperto per caso la singolare truffa. Tutto è nato da un semplice controllo alla circolazione stradale in occasione del quale, l’ignaro denunciante, ha scoperto che il suo veicolo non era coperto da assicurazione nonostante avesse versato il premio tramite pagamento avvenuto a mezzo posta-pay. Gli accertamenti avviati dai carabinieri hanno consentito di recuperare le conversazioni avvenute in chat tra l’uomo ed uno dei truffatori, che verosimilmente aveva realizzato un sito internet molto simile a quello della vera compagnia assicuratrice. I militari, dopo aver trovato nei suoi archivi un preventivo a nome del denunciante, sono riusciti a risalire all’intestatario della carta posta-pay sulla quale era avvenuto il pagamento. Dall’esame della carta è così emerso che i truffatori, con tale raggiro, sarebbero riusciti a farsi ricaricare sino a 1.000 euro al giorno. Ad essere denunciati in stato di libertà all Procura della Repubblica di Terni per il reato di truffa in concorso sono stati una donna di 77 anni, nata e residente a Napoli ed un pakistano di 35 anni, anch'egli residente a Napoli e già noto alle forze dell’ordine.
I CONSIGLI DELL'ARMA
Il consiglio che gli uomini dell’Arma danno da tempo ai cittadini, soprattutto a quelli appartenenti alle fasce deboli, è quello di porre la massima attenzione alle numerose e troppo appetibili promozioni che si trovano in rete dove frequentemente si verificano reati informatici. Inoltre, nel caso in questione, è fondamentale verificare che la stipula della polizza sia andata a buon fine, magari anche tramite le 'App' predisposte, in modo tale da evitare oltre al danno anche la beffa, considerato che la contravvenzione ed il sequestro del mezzo, scattano automaticamente in caso di mancanza di copertura assicurativa.
14/4/2022 ore 10:43
Torna su