19/09/2021 ore 09:22
Ex polo chimico ternano-narnese, Carissimi (Lega): "si punti ad un modello di sviluppo virtuoso, capace di rilanciare il nostro territorio"
“Lavoro per Terni e per il rilancio delle imprese del territorio che devono riscoprirsi e reinventarsi per mantenere la loro posizione e recuperare il ritardo accumulato. In questo scenario il polo chimico ternano deve giocare un ruolo di protagonista nel percorso di transizione ecologica, diventando un modello di sviluppo virtuoso, capace di rilanciare il nostro territorio e di trasformare Terni nella città dell’industria verde, in cui l’asset industriale si sposi con il rispetto dell’ambiente e con il mondo delle filiere di bioeconomia circolare”. È quanto dichiara il consigliere regionale Daniele Carissimi (Lega) commentando “l’approvazione all’unanimità della mozione sulla riconversione del polo chimico ternano-narnese avvenuta nell’Assemblea legislativa dell’Umbria”. “Terni – continua Carissimi - deve immediatamente cogliere l’occasione di trasformare la sua identità ed immagine da città inquinata a prima città sostenibile. Deve farlo puntando sulle sue specialità: il siderurgico e il chimico. Quest’ultimo rappresenta da sempre un comparto di fondamentale importanza per l’economia locale, regionale e nazionale. La mia mozione promuove l’avvio di progetti di valorizzazione sostenibile degli scarti della filiera agricola all’interno del Polo chimico di Terni-Narni, volendo ricercare una riconversione green delle imprese del comparto che sappia produrre vantaggi come il riutilizzo degli scarti con riduzione dei rifiuti prodotti, lo sviluppo di nuove filiere produttive con tecnologie verdi e all’avanguardia, la valorizzazione delle professionalità, l’incremento della competitività del tessuto produttivo agricolo sia umbro che nazionale, l’integrazione tra i settori chimico, agricolo, industriale e della gestione dei rifiuti per creare una filiera di prodotti bio con materiali dalle caratteristiche ad alto valore aggiunto e sostenibili.” “Ringrazio l’assessore allo Sviluppo economico, Michele Fioroni - prosegue Carissimi – per l’intervenuto di ieri in Aula, nel quale ha espresso il suo plauso e ha ribadito che la progettualità del polo chimico di Terni è centrale nel Pnrr e nel quadro della nuova programmazione economica. Come ha sottolineato l’Assessore, il progetto di Sustainable Valley valorizza gli scarti agricoli e attiva un nuovo sistema di agricoltura che potrebbe coinvolgere l’intero comparto umbro. Il modello può essere applicato non solo alle bioplastiche, ma anche a filiere legate alla bioedilizia. A partire da qui, possiamo sviluppare una nuova economia umbra basata su integrazione delle filiere e circolarità, che rappresenti un’avanguardia della green economy.” “Con l’approvazione della mozione - conclude Carissimi - abbiamo fatto un primo importante passo, che spero sia irreversibile. Questo però è solo l’inizio. Tiriamoci su le maniche e mettiamoci al lavoro per dare concretezza a questa trasformazione e costruire per Terni una nuova identità che la elevi a traino e modello nazionale dell’economia verde”.
15/7/2021 ore 1:40
Torna su