19/01/2021 ore 22:39
Arrestato un 35enne ternano incensurato, in casa nascondeva 1.500 dosi di cocaina
Trentacinque anni, impiegato presso un’azienda di informatica della città. Totalmente sconosciuto alle forze dell’ordine e quindi incensurato ed insospettabile. Una persona “normale” dunque, che invece si è rivelata essere uno spacciatore di droga. In casa sua i carabinieri del comando provinciale di Terni hanno trovato ben 1.500 dosi di cocaina, pari ad un valore di mercato di circa 40mila euro. La droga, stando alla ricostruzione fatta dai carabinieri, era arrivata da alcuni giorni e l’impiegato aveva già iniziato a smistarla in occasione dell’ultimo fine settimana; il resto prevedeva sicuramente di piazzarlo durante le festività natalizie. Le indagini dei carabinieri erano in corso da qualche tempo ed al termine di pedinamenti fatti nei confronti di alcuni acquirenti, i militari hanno deciso di intervenire perquisendo l’abitazione dell’impiegato dove, occultati dentro ad un pc rotto, hanno trovato tre involucri di cellophane contenenti complessivamente 206 grammi di cocaina ed un bilancino di precisione. I carabinieri sono intervenuti dopo aver controllato un ragazzo di 25 anni che si era recato a casa dell’uomo, per acquistare una dose. L’impiegato al momento del controllo è mostrato nervoso ed ha tentato persino di far finta di non capire cosa stesse accadendo, ma pochi minuti dopo ha indicato ai militari il posto dove la droga era stata nascosta, appunto dentro ad un vecchio pc. L’uomo ha detto ai militari che aveva iniziato l’illecita attività per poter pagare alcune rate arretrate del mutuo di casa, cosa che non poteva altrimenti fare dato il suo stipendio di mille euro circa. Dopo aver ammesso in pieno le proprie responsabilità l’uomo è stato ristretto nel carcere di vocabolo Sabbione.
(Foto dalla Rete)
20/12/2010 ore 13:29
Torna su