20/01/2020 ore 18:08
Tifoso perugino imbratta con scritte provocatorie e offensive i muri del "Liberati": denunciato dalla Digos
Agenti della Digos della Questura di Terni hanno denunciato in stato di libertà K.F. perugino di 33 anni, ritenuto responsabile dei reati di imbrattamento di beni immobili e possesso di materiale imbrattante (bombolette spray), in luoghi in cui si svolgono manifestazione sportive ed a causa delle manifestazioni stesse. L'uomo, noto come appartenente ai gruppi Ultras del Perugia Calcio, la mattina di domenica 7 novembre, alcune ore prima dell’inizio della partita Ternana – Juve Stabia, insieme ad un complice ancora in corso di identificazione, giungeva nei pressi dello stadio Liberati e utilizzando una bomboletta spray di colore blu, vergava nelle pareti in pietra sponga del “Foro Boario”, nei pressi dei botteghini alcune scritte offensive e provocatorie. Le indagini condotte da dagli uomini della Digos ternana e da quelli del capoluogo umbro hanno consentito la identificazione certa dell’autore materiale delle scritte, soggetto con precedenti specifici per reati cosidetti da stadio, e già in passato sottoposto a Daspo. Nei confronti del 33enne il Questore di Terni adotterà provvedimento di divieto di accesso alle manifestazioni sportive.
Proseguono intanto gli accertamenti volti ad individuare il complice del 33enne.
Sempre personale della DIGOS ha tratto in arresto un cittadino senegalese D.L. di anni 43, pregiudicato e irregolarmente soggiornante nel territorio nazionale, per essersi reso più volte inottemperante all’ordine emesso dal Questore di Terni con il quale gli era stato intimato di lasciare l’Italia. Al termine del giudizio direttissimo il Giudice Unico del Tribunale di Terni, ha disposto che lo straniero rimanesse cautelarmente in carcere in attesa del giudizio.

17/11/2010 ore 14:01
Torna su