15/07/2019 ore 22:50
Caccia: a settembre la polizia provinciale ha denunciato tre persone e sequestrato 8 fucili
Sette multe e tre denunce, 8 fucili sequestrati, 6 esemplari di selvaggina requisiti e 338 persone controllate. Sono questi i risultati dell’attività del corpo di Polizia provinciale riferiti al mese di settembre. Gli uomini di Palazzo Bazzani, comandati dal Cap. Gervasio Gialletti e coordinati dall’assessore Filippo Beco, hanno monitorato, in collaborazione con la Forestale di Terni, tutto il territorio provinciale. L’attenzione è stata posta all’attività venatoria, alle Zrc (Zone di ripopolamento e cattura), alle Oasi di protezione, ai Parchi regionali e alle Zone addestramento cani. Per l’espletamento delle attività sono state impiegate complessivamente 72 pattuglie con un particolare impegno sul versante del controllo delle specie critiche. Il rilascio di specifiche autorizzazioni ai selettori o ad altri operatori abilitati al prelievo di cinghiali, volpi, storni e nutrie è infatti finalizzato a contenere i danni provocati all’agricoltura. “Le attività di controllo della Provincia – afferma l’assessore Beco – rientrano nei programmi dell’ente volti a garantire adeguati livelli di sicurezza e di corretta gestione del territorio. In questo contesto il contenimento delle specie critiche assume una particolare rilevanza perché consente di mettere in atto azioni più incisive per la riduzione dei danni alle colture agricole. I confortanti risultati ottenuti finora danno merito anche alla più stretta e organica collaborazione attivata con il corpo Forestale dello Stato”.
18/10/2010 ore 19:10
Torna su