18/10/2019 ore 05:36
Terni: la Asl trasferisce lo "storico" punto prelievi di via Federico Cesi in via Annio Floriano
Nell’ambito dei progetti di integrazione tra Asl 4 e Azienda Ospedaliera è stato avviato, al “Santa Maria” di Terni, il laboratorio analisi interaziendale, che permetterà una sostanziale razionalizzazione del servizio, una migliore organizzazione del personale e allocazione delle risorse e, al tempo stesso, garantirà più efficienza nella risposta al cittadino con un maggior numero di operatori nei punti prelievo. Le attività del laboratorio analisi saranno quindi centralizzate all’ospedale di Terni mentre, per quanto riguarda il numero e la distribuzione capillare dei punti prelievo nel territorio, l’unica novità prevista dalla direzione aziendale della Asl 4 riguarda il trasferimento di questo servizio, dal prossimo lunedì 18 ottobre, dall’attuale sede di via Federico Cesi al Centro Salute “Tacito” in via Annio Floriano, una traversa di viale della Stazione. Il nuovo punto prelievi “Tacito” sarà inoltre potenziato con la disponibilità di quattro infermieri che potranno garantire una risposta più rapida ed efficiente agli utenti rispetto al passato.

Rimane invariata l’attività in tutti gli altri punti prelievo del distretto di Terni che offrono un servizio di prossimità al cittadino nei quartieri e nei territori: sede centrale Asl di via Bramante, centro di Salute “Tacito”, centro di salute “Colleluna”, centro di salute “Ferriera”, Pes (Punto Erogazione Servizi) di San Gemini, Acquasparta e Arrone oltre, ovviamente, alla struttura ospedaliera di Terni.

“Il laboratorio unico interaziendale - spiegano i due direttori generali dell’Asl 4 Vincenzo Panella e dell’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni Gianni Giovannini - è un progetto concreto che testimonia il proficuo clima di collaborazione instaurato tra le due aziende”. “L’obiettivo che ci poniamo con questo e molti altri progetti comuni che sono in avanzata fase di realizzazione - concludono i due manager sanitari - è di integrare per migliorare i servizi al cittadino”.
14/10/2010 ore 9:39
Torna su