14/11/2019 ore 10:16
Trentenne tenta il suicidio con il tubo di scarico della sua auto ma viene salvato dai carabinieri
Problemi di lavoro e una crisi sentimentale. Sembrano essere state queste le cause che hanno indotto un giovane di trent'anni a tentare di togliersi la vita, lasciandosi asfissiare dal monossido di carbonio fuoriuscito dal tubo di scarico della sua autovettura. E' successo due sere fa a Vascigliano di Stroncone, dove una pattuglia dei carabinieri ha notato, transitando nei pressi della scuola elementare, un’autovettura in sosta con un tubo collegato allo scarico dell’auto che entrava in un finestrino della stessa. I militari hanno subito capito che si stava consumando un dramma e non hanno esitato ad intervenire, tirando fuori dall’auto il ragazzo che era già privo di conoscenza. E' stata chiamata una ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al giovane, che è stato subito dopo trasportato in ospedale dove è stato ricoverato per una intossicazione da monossido di carbonio. I carabinieri hanno cercato di scoprire i motivi che avevano portato il trentenne a compiere l’insano gesto e sono arrivati alla conclusione che a far scattare nel ragazzo la molla del suicidio sarebbero stati problemi di lavoro e sentimentali. Le condizioni del giovane sono stabili e presto potrà tornare alla sua famiglia.
6/10/2010 ore 0:35
Torna su