22/07/2019 ore 11:30
Spaccia eroina in zona Fiori, arrestato un 25enne già noto alle forze dell'ordine
Agenti della sezione antidroga della squadra mobile coadiuvati da quelli della squadra volante, hanno tratto in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti un 25enne marocchino senza fissa dimora. Il GIP presso il Tribunale di Terni, dopo aver proceduto all’interrogatorio di garanzia, ha convalidato l’arresto e ne ha disposto la custodia cautelare in carcere. Negli ultimi tempi era stato rilevato un certo movimento di tossicodipendenti che, in zona Fiori, si recavano nelle vicinanze della ferrovia dove un cancello verde, chiuso con un lucchetto, delimita una zona boschiva abbandonata. In quell’area c'erano numerose siringhe gettate in terra dagli stessi tossicomani che, una volta acquistata la droga, a volte la consumavano sul posto. Nel corso di vari appostamenti i poliziotti hanno notato due noti tossicodipendenti locali che, usciti dal cancello, si stavano allontanando attraversando i binari della ferrovia per arrivare in viale Tito Oro Nobili. I due si erano portati in quel luogo per acquistare eroina per il loro consumo personale ed uno di loro aveva sul braccio destro il segno evidente di una recente puntura con tanto di macchia di sangue. Qualche minuto dopo anche il marocchino scavalcava il cancello; l’uomo si è avvicinato al ballatoio di un condominio e stava per prendere una bicicletta ed allontanarsi quando gli agenti lo hanno fermato. Lo straniero è risultato privo di documenti e in possesso di una dose di eroina di circa un grammo, inoltre aveva con sé anche 195 euro in banconote di vario taglio, probabile provento della vendita della droga.
Insieme al marocchino gli agenti sono entrati all’interno del cancello e hanno percorso un tratto di strada che costeggia la ferrovia fino a giungere a delle baracche in cemento abbandonate dove, all’interno di una di esse, in uno stato di degrado assoluto, sono stati trovati materassi e valigie che erano di proprietà del fermato. Nella baracca è stato rinvenuto anche un piccolo contenitore in plastica bianca con all’interno due involti in cellophane contenenti eroina per circa 10 grammi nonché tutto il materiale utile al confezionamento ed alla preparazione dello stupefacente in singole dosi. In una delle valigie del nordafricano sono stati trovati e sequestrati, poiché l’uomo non sapeva giustificarne il possesso, alcuni orologi da polso, una macchina fotografica digitale, tre bracciali in acciaio, un Ipod ed un notebook. Tutti oggetti sicuramente ricevuti dai tossicodipendenti come pagamento per l’acquisto della droga. Nel contesto della perquisizione è stato accertato che l'uomo divideva quella baracca con un altro cittadino marocchino che era stato tratto in arresto nella serata precedente per la violazione sulla normativa dell’immigrazione. Al termine delle formalità di rito il 25enne è stato portato in carcere a disposizione del P.M. di turno Barbara Mazzullo.
5/10/2010 ore 12:24
Torna su