22/07/2019 ore 11:31
Terni: dalla Asl tutti i consigli riguardanti la raccolta di funghi e le regole sanitarie da rispettare
Con l’inizio della stagione micologica si ripropone la necessità di ricordare a tutta la cittadinanza l’importanza, ai fini della tutela della salute pubblica, del rispetto di alcune regole in merito alla raccolta dei funghi freschi spontanei per il consumo proprio e per la commercializzazione.
Il dipartimento di prevenzione della Asl 4 di Terni informa che il controllo dei funghi freschi spontanei, effettuato da micologi regolarmente iscritti al registro nazionale ai sensi delle specifiche disposizioni in materia, avviene nei centri di controllo pubblico appositamente istituiti ed è gratuito per tutti i raccoglitori che destinano al consumo proprio i funghi raccolti.
E' stato attivato il controllo micologico nelle seguenti sedi e con i seguenti orari:

TERNI, VIA BRAMANTE 37 SEDE CENTRALE DELLA ASL 4 (secondo piano scala B): tutti i giorni feriali dalle 16.30 alle 18.30 durante l’ora legale e dalle 15.30 alle 17.30 durante l’ora solare;

TERNI, MERCATO COPERTO COMUNALE: tutti i giorni feriali dalle 7 alle 8;

AMELIA, PIAZZA A. VERA: dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 13.45;

NARNI, MERCATO COPERTO COMUNALE: dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 12.45;

ORVIETO, SEDE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VIA POSTIERLA: tutti i giorni feriali dalle 8.30 alle 9.30.

La Asl 4 provinciale di Terni ha inoltre attivato la pronta disponibilità micologica di primo e secondo livello per intervenire nei casi di sospetta intossicazione da funghi.
Da ultimo, si ricordano alcune importanti regole sanitarie da rispettare:
- Raccogliere soltanto funghi conosciuti.
- Non consumare funghi che non siano stati sottoposti a controllo sanitario preventivo.
- Non consumare quantità eccessive di funghi.
- Astensione dal consumo di funghi da parte di persone anziane, bambini, donne in gravidanza.
- In caso di insorgenza di disturbi dopo il consumo di funghi, rivolgersi semprecon la massima sollecitudine al proprio medico di famiglia o al più vicino pronto soccorso.
2/10/2010 ore 1:18
Torna su