22/07/2019 ore 11:31
Sagre: una task force formata da commercianti e consumatori per riscrivere nuove regole
Durante il seminario “I pubblici esercizi in Umbria” svoltosi nei giorni scorsi presso il Museo Archeologico di Amelia è stata affrontata anche la questione-sagre. Un tema molto sentito da ristoratori e consumatori e riconosciuto anche dalla precedente Giunta Regionale che aveva promesso interventi importanti. Durante il seminario è nuovamente emerso l’interesse di tutte le componenti alla valorizzare delle iniziative di qualità, frenando al contempo quelle con fini esclusivamente speculativi, che nulla hanno a che vedere con il territorio e i suoi prodotti. L’accento è posto sugli ormai innumerevoli eventi nati negli anni con le tipologie più fantasiose, quasi sempre senza alcun legame con il territorio e che arrecano grave danno agli operatori della ristorazione che si trovano, per diversi mesi all’anno a far fronte ad una concorrenza sleale. Perché mentre il pubblico esercizio è costantemente sotto la lente d’ingrandimento dei vari Organi di controllo che verificano – giustamente- il rispetto delle normative fiscali e tributarie, igienico sanitarie, sicurezza nei luoghi di lavoro etc., feste paesane e sagre godono di una vera e propria deregulation. Questa cruda analisi sul fenomeno delle sagre e feste paesane trova d’accordo le associazione di categoria del commercio, Confcommercio e Confesercenti, ma anche, alcune Associazioni di Consumatori. "Analisi che - si legge in un comunicato - evidenziano un quadro sempre più preoccupante per chi, per mestiere, ha scelto la ristorazione ormai giunti ad un livello di sopportazione allo stremo. La situazione caotica attuale però disorienta anche il consumatore ecco perché, propria durante il seminario di Amelia, è nata l’idea di creare una task-force composta da commercianti e consumatori che lavorerà alla stesura di un regolamento in grado di arginare l’ormai annoso problema-sagre. Un lavoro che andrà ad affiancarsi a quello preannunciato dall’Assessore Bracco che sta approntando un monitoraggio sulle sagre umbre che verrò utilizzato per dar vita ad una Legge ad hoc seria ed adeguata".
27/9/2010 ore 14:15
Torna su