12/11/2019 ore 20:17
I carabinieri arrestano un pizzaiolo che spacciava cocaina nel negozio dove lavorava, denunciati anche due impiegati ternani
Droga in pizzeria. A scoprire lo smercio che veniva fatto da un dipendente del locale (H.J. di 45 anni, pregiudicato) sono stati i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Terni, coordinati dal capitano Marco Belladonna. I militari erano impegnati da qualche tempo per scoprire da dove arrivasse quel vero e proprio fiume di cocaina che sempre più frequentemente è capitato di intercettare nelle ultime settimane, così sono arrivati all’uomo, che di professione fa il pizzaiolo, ma che durante l'orario di lavoro ed all'insaputa del proprio datore di lavoro aveva fatto del locale ove lavorava una vera e propria base per la sua attività di spaccio. Nel corso di un appostamento i carabinieri hanno notato due giovani ternani, F.L. di 32 anni e D.S. di 28, entrambi incensurati, di professione impiegati, mentre uscivano dal retro della pizzeria situata nella periferia di Terni. I due uomini sono stati perquisiti ed addosso gli sono stati trovati 5 grammi di cocaina (tre per ciascuno). Per entrambi è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria e la segnalazione al Prefetto di Terni. Verificata la situazione è scattato immediato il controllo dei militari all’interno della pizzeria dove è stato subito bloccato il pizzaiolo albanese proprio mentre tentava di nascondere una busta di cellophane con all'interno la cocaina, 140 grammi ancora da tagliare. L'uomo in un primo momento ha cercato di fornire inverosimili spiegazioni circa il possesso della droga, spiegando che aveva trovato quel sacchetto per terra e non sapeva di chi fosse, poi messo alle strette ha ammesso le proprie responsabilità ed è stato arrestato. In un’altra operazione i carabinieri hanno denunciato due giovani romani di 20 e 22 anni, entrambi incensurati, studenti residenti a Roma, in quanto sono stati trovati in possesso all'interno della loro auto di un manganello in metallo di 50 cm e di 5 grammi di marjiuana. I due sono stati denunciati per porto abusivo di oggetti atti ad offendere e detenzione di droga.
20/8/2010 ore 2:25
Torna su