19/11/2019 ore 16:58
I carabinieri arrestano due giovani di 23 e 24 anni che nascondevano in casa 45 grammi di cocaina
Continua serrata da parte dei carabinieri di Terni l'attività di contrasto agli illeciti in materia di stupefacenti. Dopo un periodo di indagini i militari del nucleo investigativo, coordinati dal capitano Marco Belladonna, hanno arrestato due cittadini albanesi, F.J. 24 anni, operaio, pregiudicato regolare in Italia e V. Z. 23 anni, disoccupato, clandestino ed inottemperante all'ordine del Prefetto di Terni di lasciare il territorio italiano. Nel loro appartamento di via Cesare Battisti, i militari hanno rinvenuto 45 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e circa 2.000 euro probabile frutto dell’attività di spaccio. Il tutto era occultato all'interno di un mobile in cucina. I carabinieri nei giorni precedenti avevano fermato e segnalato un giovane. F.G., 30 anni ternano, incensurato, muratore, segnalandolo alla prefettura, per possesso di cocaina ad uso personale. Seguendo il giovane nei giorni successivi, i militari lo avevano notato più volte aggirarsi in via Battisti dove si incontrava con i due albanesi. Da un rapido calcolo fatto dai carabinieri, i 2mila euro trovati in casa dei due extracomunitari, rappresenterebbero il corrispettivo di circa 70/80 dosi medie già spacciate, mentre il restante quantitativo di cocaina sarebbe stato sufficiente per confezionarne altre 100/120 da immettere sul mercato ternano. Sempre secondo i militari la sostanza sarebbe stata destinata ad un fascia di utenti tra i 30 ed i 45 anni che frequentano i locali della movida ternana. Nel corso della stessa operazione è stato denunciato a piede libero anche D.D., albanese di 26 anni, operaio, pregiudicato, regolare in Italia, il quale a seguito di un controllo da parte di un'altra pattuglia del nucleo investigativo, all'interno dell'auto da lui condotta veniva rinvenuto un tira pugni occultato sotto il sedile, lato guida. Il giovane, con predenti per rissa e porto abusivo di oggetti atti ad offendere, è stato nuovamente denunciato a piede libero per il porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Il giovane è stato fermato dai carabinieri mentre si aggirava con fare sospetto nei pressi di piazza dell'Orologio fermandosi a più riprese e ripartendo a velocità elevata dopo aver scrutato le vetture in sosta.
14/8/2010 ore 2:18
Torna su