22/10/2019 ore 22:06
Terni: la Regione taglia la sede dell'Ater decide di accorpare le due aziende territoriali per l’edilizia residenziale
La Giunta regionale ha avviato il progetto di riorganizzazione e razionalizzazione delle spese di funzionamento generale sia dell’amministrazione regionale, che delle Agenzie regionali. L’esecutivo ha dato il via libera alla stesura di un disegno di legge per l’unificazione delle due Ater (Aziende territoriali per l’edilizia residenziale) di Perugia e Terni e quindi l’istituzione di una unica azienda territoriale regionale. La proposta di legge, la cui elaborazione è stata affidata al competente assessore Stefano Vinti, verrà sottoposta in tempi molto rapidi all’approvazione della Giunta. Questo provvedimento - è stato sottolineato - si colloca in un progetto complessivo e più ampio di riforme strutturali che interesserà settore per settore, competenza per competenza l’intera macchina regionale, e ciò anche in continuità con quanto già avviato nella precedente legislatura. L’obiettivo è di stringere i tempi ed accelerare verso una migliore efficienza di funzionamento e semplificazione istituzionale in un quadro di forte criticità dettata dai tagli indiscriminati operati dal Governo nazionale. La Giunta ha inoltre approvato una serie di misure per il contenimento della spesa del personale che dovrebbero consentire circa 1 milione di euro di risparmio nel 2010. “Si tratta di misure – ha detto l’assessore al personale Franco Tomassoni – che riguardano tra l’altro il congelamento delle collaborazioni coordinate e continuative e degli incarichi libero professionali, la revisione delle procedure per le trasferte dei dipendenti ed il contenimento dei contratti a tempo determinato per le sostituzioni. Va sottolineato – ha detto Tomassoni – che ciò avviene in un ente che ha dimostrato, dati alla mano, di essere virtuoso per la spesa del personale che dal 2005 ad oggi è rimasta sostanzialmente invariata”.
1/6/2010 ore 0:25
Torna su