20/01/2020 ore 12:18
Picchia a sangue la moglie che aveva dato il permesso alla figlia di andare ad una cena in parrocchia, arrestato un 49 enne
Sotto shock e ferita si è barricata in camera della figlia, ma ha trovato il coraggio di telefonare al 113 e di chiedere aiuto. Così, ieri sera alle 23.30 circa, una moglie ternana di 42 anni, stanca dei continui maltrattamenti ha deciso di uscire allo scoperto e di denunciare il marito violento. Gli agenti della volante, arrivati immediatamente sul posto, hanno sentito i lamenti della donna provenire da una finestra aperta della casa situata al piano terra e l’hanno trovata impaurita, ferita e in stato confusionale, mentre il marito dormiva, ubriaco, in un’altra stanza. La donna, piangendo, ha raccontato che il marito rientrato a casa ubriaco non aveva trovato la figlia e furioso si era scagliato contro la donna con calci e pugni. A niente erano servite le spiegazioni della moglie che gli aveva rammentato che egli era conoscenza del fatto che la ragazza fosse ad una cena della parrocchia, ma non sentendo ragioni aveva continuato ad infierire su di lei, costringendola a barricarsi in una stanza della casa. Agli agenti, la donna ha raccontato che la sera prima era successa la stessa cosa: la ragazza era uscita per assistere alla sfilata del Cantamaggio Ternano con il permesso dei genitori, ma il padre non trovando la figlia a casa ed avendo dimenticato tutto a causa dell’alcol, aveva picchiato a sangue la moglie. Proprio a causa della natura violenta dell’uomo, un 49enne originario della provincia di Nuoro, il Tribunale dei Minori aveva affidatotempo addietro il figlio minore della coppia ad una casa famiglia, togliendogli dunque la patria potestà. Ieri sera l'uomo è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia, arrestato e portato alla Casa Circondariale di vocabolo Sabbione, dove rimane a disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale, dottoressa Elisabetta Massini.

3/5/2010 ore 13:48
Torna su