03/12/2020 ore 21:33
Ventiduenne con una pistola in mano si mette a sparare fuori da un bar, poi punta l'arma contro i carabinieri: arrestato
Ha fatto lo "show" prima dentro e poi fuori da un bar nei pressi della stazione ferroviaria di Terni. Con una pistola in mano, poi rivelatasi un'arma giocattolo, un rumeno di 22 anni ha dapprima tentato di rapinare il barista al quale ha chiesto degli alcolici puntandogli contro la rivoltella, poi all'arrivo dei carabinieri ha rivolto l'arma contro gli stessi prima di essere catturato ed arrestato. L'ennesimo episodio di violenza gratuita si è verificato ieri sera nei pressi di piazza Dante. E' stato un cittadino a chiamare i carabinieri avvertendoli che nei pressi di un bar c'era un giovane che stava sparando alcuni colpi di pistola in aria, tanto da creare il panico nella gente che si trovava a passare. I carabinieri sono arrivati in un baleno ma il giovane anzichè intimorirsi, ha cominciato ad offendere i militari gridando loro di andarsene. Il rumeno ha fatto di più, arrivando a puntare la pistola contro le forze dell'ordine. decisivo si è rivelato l'intervento di due militari che hanno preso alle spalle l'esagitato 22enne, disarmandolo ed immobilizzandolo con non poche difficoltà. L'arma brandita dal rumeno si è rivelata una replica di una pistola Bruni 380 Magnum, molto simile alla più famosa Colt Pyton 4, alla quale era stato abraso il tappo rosso indicativo della sua inoffensività. Dai successivi accertamenti è emerso che il soggetto, poco prima, all’interno dello aveva minacciato il barista con la stessa arma per farsi consegnare degli alcolici, per cui il capo d’imputazione che ha portato al suo arresto, oltre che per il reato di resistenza a pubblico ufficiale aggravata dall’uso di armi è stato ampliato a quello di rapina. L’arrestato, dopo una notte in camera di sicurezza, è stato associato presso la casa circondariale di Terni, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.
(Foto di repertorio)
16/4/2010 ore 16:21
Torna su