20/01/2020 ore 21:12
Terni: agenti troppo "anziani" in servizio presso la questura, la denuncia arriva dal Sap
“I poliziotti in servizio alla questura di Terni e negli uffici di polizia della provincia sono sempre più anziani. L’età media ormai si avvicina ai 45 anni. Si tratta della conseguenza delle mancate assunzioni degli ultimi anni e ovviamente dei tanti pensionamenti. Un problema che si aggiunge alla cronica carenza di organico. Per questo, in vista degli ormai imminenti trasferimenti di personale previsti in primavera e che movimenteranno in tutta Italia oltre 3.500 agenti, abbiamo chiesto al Ministero dell’Interno di inviare in città non meno di 20 nuovi operatori per compensare le gravi carenze”. E’ quanto afferma Angelo Vittori, segretario provinciale del sindacato autonomo di polizia (Sap) di Terni, durante il consiglio provinciale dell’organizzazione che risulta prima per numero di iscritti. “In questi mesi – ha detto ancora Vittori – abbiamo apprezzato l’impegno del nuovo questore che, unitamente al sacrificio dei colleghi, ha razionalizzato le risorse umane degli uffici, riuscendo ad incrementare il numero di volanti sul territorio. Ma nelle condizioni date di più non è possibile fare e per questo la richiesta di invio di nuovo personale a Terni è prioritaria ed urgente”. Durante il consiglio provinciale del Sap di Terni, sono state anche rinnovate alcune cariche. In particolare, è stata deliberata l’elezione a vice segretario provinciale di Paolo Pasquini che sostituisce Giuseppe Claudio Senese, da alcuni mesi al vertice del Sap dell’Umbria. E’ stata inoltre eletta consigliere provinciale Anna Maria Mancini e sono stati nominati alcuni responsabili di sezione: Francesco Mantovani e Paolo Pasquini per i ruoli tecnici (in ambito regionale) e Andrea Antonelli per il posto Polfer di Terni. Sono rimasti invariati tutti gli altri incarichi.
24/2/2010 ore 0:21
Torna su