17/07/2019 ore 20:56
Commerciante ternano di 40 anni maltrattava moglie e figli, la Procura ha disposto misure cautelari nei suoi confronti
Gli è stato imposto l’obbligo di non avvicinarsi alla moglie ed ai suoi tre figli. E tutto per una serie di reati che vanno dal maltrattamento in famiglia alla violenza sessuale continuata. Sono stati gli uomini della Squadra Mobile della questura di Terni ad eseguire l’ordinanza della misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Terni a carico di M.F.,40 anni, commerciante ternano. L’ordinanza prescrive all’uomo il divieto di avvicinarsi alla moglie ed ai tre figli minori, rispettivamente di 12, 10 e 9 anni, in quanto ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia continuati, commessi a partire dal 2005, e di violenza sessuale continuata, commessa nei confronti dei figli a decorrere dal 2003. Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Terni che, a conclusione delle stesse, ha ritenuto, stante la gravità dei reati commessi ed il pericolo di condizionamento dei minori da parte del padre, che continuava ad avvicinarli eludendo i provvedimenti emessi dal Tribunale per i Minorenni di Perugia e dal Tribunale civile di Terni che gli avevano sospeso la potestà genitoriale, di richiedere a suo carico l’applicazione della misura cautelare. Il provvedimento impone all’uomo il divieto di avvicinarsi ai suoi famigliari, divieto esteso anche all’abitazione degli stessi ed ai luoghi da essi abitualmente frequentati. Analogo provvedimento era stato adottato nell’ottobre 2006 dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Terni quando, ancor prima dell’introduzione nel Codice Penale dell’ipotesi delittuosa prevista e punita dall’art.612 bis (atti persecutori cd.”stalking”), avvenuta nell’anno 2009, aveva applicato una misura cautelare che prescriveva all’indagato, un cittadino tunisino ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia e minacce reiterate, di non avvicinarsi alla moglie ed ai figli minori. Numerosi sono ad oggi i provvedimenti cautelari di allontanamento dalla casa familiare adottati dalla Procura della Repubblica di Terni nei confronti dei responsabili di maltrattamenti in famiglia, ed eseguiti da questa Squadra Mobile, a conclusione delle indagini svolte.
(Foto di repertorio)
8/1/2010 ore 12:31
Torna su