19/07/2019 ore 03:58
Arrestato a Terni un latitante siciliano sul cui capo pendeva un mandato di cattura emesso dal Tribunale di Siracusa
Gli piaceva fare la bella vita. Con tanti soldi in tasca, guadagnati però senza lavorare e dedicandosi ad attività illecite. Per questo nei suoi confronti pendeva un mandato di cattura emesso dal Tribunale di Siracusa. Ad arrestarlo sono stati i carabinieri di Terni che lo hanno intercettato nel nostro capoluogo mentre se ne andava in giro in auto con una bella dominicana. L’uomo, F.U. 35 anni, pregiudicato, disoccupato di origini catanesi ma residente a Siracusa, è accusato di numerosi furti in abitazione commessi in alcuni comuni della provincia di Siracusa. Ma sembra fosse specializzato anche in furti di denaro presso gli sportelli bancomat sfruttando le carte di credito ed i bancomat rubati. Con i soldi trafugati era solito acquistare capi di abbigliamento vestiti ed altra merce che poi rivendeva. Per questi motivi il Tribunale di Siracusa aveva emesso nei suoi confronti una ordinanza di custodia cautelare in carcere, ma l’uomo aveva da tempo fatto perdere le proprie tracce e dal maggio di quest’anno era ricercato su tutto il territorio nazionale. Sembra che l’uomo, per far perdere le tracce, si sia trasferito per un periodo a Santo Domingo dove avrebbe conosciuto la 25enne trovata poi in sua compagnia. Così durante un controllo stradale i carabinieri del nucleo investigativo diretti dal capitano Marco Belladonna, hanno fermato la coppia e qui è saltata fuori l’identità del siciliano che è stato immediatamente arrestato. L’uomo, al momento del suo accompagnamento in caserma, avrebbe negato gli addebiti del tribunale siciliano per cui dopo che gli è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare è stato associato nel carcere di vocabolo Sabbione a disposizione dell’autorità giudiziaria di Siracusa. E’ riamsta di sasso la giovane dominicana alla quale l’uomo sembra avesse raccontato di essere un imprenditore siciliano, con affari da svolgere a Santo Domingo.
21/11/2009 ore 0:07
Torna su