17/07/2019 ore 20:28
Scoperta a Narni una villa a luci rosse, arrestato un 45enne per favoreggiamento della prostituzione
Aveva preso in affitto la porzione di una villa alla periferia di Narni e qui aveva impiantato quella che a tutti gli effetti era diventata una “casa a luci rosse”. L’uomo, per portare avanti la propria illecita attività, aveva scelto una donna piuttosto piacente, che a quanto pare riscuoteva le “simpatie” di molti clienti. Ma il giro di prostituzione è stato scoperto dalla polizia che ha posto fine al malaffare ed ha arrestato l’uomo. Tutto sarebbe partito da un numero di cellulare trovato dagli agenti su un giornale locale di annunci, nella sezione riguardante gli “incontri particolari”. L’utenza era intestata ad un 45enne residente a Viterbo, ma al telefono rispondeva una suadente voce di donna, dall’accattivante accento inglese. E’ bastato poco ai poliziotti per scoprire che dietro quell’annuncio si nascondeva un affare illecito, così sono iniziati i pedinamenti che hanno portato alla scoperta della casa a luci rosse. In uno di questi appostamenti gli agenti hanno visto il 45enne che accompagnava la donna presso la villa, dove nel frattempo era arrivato il cliente contattato attraverso l’annuncio. Gli agenti, per constatare la flagranza di reato, hanno lasciato che la donna (un inglese di 44 anni) entrasse nell’appartamento per consumare il rapporto sessuale. Quando la polizia ha fatto irruzione nella villa, ha rinvenuto numerosi preservativi ed il cellulare utilizzato per stabilire i contatti tra la donna ed i clienti. A quel punto è scattato l’arresto per il 45enne viterbese che è finito in carcere con l’accusa di favoreggiamento della prostituzione.
(Foto di archivio)
14/11/2009 ore 13:59
Torna su