15/11/2019 ore 13:10
Viabilità: aperto il nuovo svincolo tra la E/45 e Sabbione, presto verranno installate anche delle moderne torri faro
Da ieri è stato aperto il nuovo svincolo che collega la E/45 con la Marattana e con la zona industriale di Sabbione. Alla inaugurazione erano presenti la presidente della Regione dell'Umbria Maria Rita Lorenzetti e l'assessore alla Viabilità Giuseppe Mascio. “Con moderata soddisfazione posso dire - ha affermato la Lorenzetti - che Terni e l’Umbria si avviano ad una dotazione infrastrutturale viaria di qualità e adeguata alle nuove e crescenti esigenze di mobilità regionale, ma anche nazionale". “L’apertura al traffico di questo importante svincolo - ha proseguito Lorenzetti - è la simbolica, ma anche pratica e concreta dimostrazione che stiamo facendo importanti passi in avanti. E sappiamo bene che tutto ciò non era affatto scontato. Il lavoro comune delle istituzioni umbre, assieme al significativo contributo di Anas, ci ha consentito di raggiungere questi significativi traguardi. A ciò non è stato estraneo il fatto di aver scelto e condiviso insieme il che cosa fare. Ora però dobbiamo, con altrettanta determinazione, ma anche unità di azione, proseguire ne lavoro affinché anche gli ultimi tasselli del grande ‘puzzle’ delle infrastrutture stradali umbre possa dirsi presto completato. Per ciò che riguarda la specifica esigenza di questa area – ha aggiunto, e mi riferisco alla bretella di collegamento con la Statale Flaminia, in considerazione delle non esorbitanti risorse necessarie, posso affermare che essa potrà trovare una positiva risposta all’interno già del prossimo Contratto di Programma con Anas. Per ciò che riguarda la regione Umbria posso assicurare tutto il nostro impegno in questa direzione”. La presidente ha quindi sottolineato come queste opere, sia il nodo di Terni come quello di Perugia, rappresentino interventi infrastrutturali importanti per la viabilità regionale, ma anche coerenti con la futura trasformazione in autostrada della E45, “la vera e decisiva partita per la definitiva soluzione degli antichi problemi di collegamento dell’Umbria con il resto del Paese e dell’Europa”. Per l’assessore Giuseppe Mascio “con l’apertura al traffico si conclude oggi un’opera strategica per la viabilità dell’Umbria avviata a fine 2004. Una infrastruttura che ha avuto uno sviluppo complesso dal punto di vista amministrativo e tecnico, in quanto eseguita costantemente in presenza di traffico”. L’opera – ha spiegato - adegua e completa le rampe di svincolo tra la SS 675 Umbro-Laziale (ex Rato, raccordo autostradale Terni-Orte) e la E45, con collegamento sulla “Marattana” in direzione delle aree industriali e artigianali di Maratta e Sabbione che saranno così raggiungibili direttamente dai due grandi assi viari nazionali. Oltre a migliorare l’innesto tra le due direttrici e creare un nuovo accesso a ovest da Terni, con lo svincolo si sgravano le aree urbane del capoluogo dal traffico pesante, aumentando la sicurezza stradale e riducendo l’inquinamento ambientale. Il collegamento, inoltre, sarà funzionale all’attività della piastra logistica di Terni-Narni che sarà realizzata nella zona, per la quale è imminente l’affidamento della progettazione esecutiva e dei lavori. È previsto anche l’adeguamento della “Marattana”: la Regione Umbria ha assegnato a questo scopo 4 milioni e 295mila euro dei fondi stanziati dal Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica)".
SCHEDA TECNICA
Il nuovo svincolo, il cui progetto è stato redatto su incarico del Comune di Terni e nell’ambito di una convenzione di cofinanziamento per progettazione tra Anas e Comune di Terni, è stato finanziato dall’Anas con oltre 14 milioni e 333mila euro, di cui circa 11 milioni e 805mila euro per l’esecuzione dei lavori principali e quasi 2 milioni e 200mila euro per somme a disposizione dell’amministrazione già utilizzate o di prossimo utilizzo per completare l’opera. I lavori sono stati eseguiti dall’associazione temporanea di imprese Mancini Costruzioni Generale sas – Opere pubbliche spa e hanno riguardato la realizzazione dell’impalcato principale di collegamento tra la E/45 e la SS 675bis in direzione della zona industriale di Terni (Moggio) che passa sopra la SS 675 Umbro-Laziale ed è costituito da un viadotto a carreggiate separate della lunghezza di circa 450 metri fino ad attestarsi sull’esistente secondo lotto della ex direttrice Terni-Rieti. Inoltre sono state realizzate le tre rampe mancanti Moggio-Orte, Orte-Moggio, Terni-Moggio e sono state adeguate e migliorate le rampe Orte-Perugia, Perugia-Terni, Terni-Perugia e Moggio-Terni. Per gli impalcati sono state utilizzate travi prefabbricate lunghe in media 33 metri; la sezione stradale è a carreggiate separate costituite ciascuna da due corsie di 3,50 metri, banchina da 1,75 metri, spartitraffico da 1,10 metri per una larghezza totale di 18,60 metri. Per le rampe di collegamento a senso unico è stata realizzata una piattaforma larga complessivamente 6,50 metri con corsia di marcia di 4 metri di larghezza. Prossimamente, lo svincolo verrà completato con opere a verde e un impianto di illuminazione con torri a faro.
13/10/2009 ore 12:48
Torna su