19/11/2019 ore 18:22
Sono in corso anche nel ternano le ricerche dell'uomo che ha investito e ucciso ad un posto di blocco un maresciallo dei carabinieri
Sono in corso anche nella provincia di Terni le ricreche dell'uomo che ieri sera ha investito mortalmente un maresciallo dei carabinieri, in un poso di blocco a Foligno. Il sottoffuciale ha lottato con la morte fino alle 4 di stamattina, quando le gravi ferite riportate nell'investimento gli sono state fatali. Il militare si chiamava Andrea Angelucci ed aveva solo 36 anni. Il fatto accaduto ieri sera a Foligno, dove una pattuglia dell'arma aveva intimato l'alt a una Ford Focus con un uomo a bordo; l'auto aveva rallentato e poi era ripartita di scatto, colpendo di striscio due carabinieri che avevano riportato delle lievi ferite. Subito era scattata una caccia all'uomo con posti di blocco in tutta la zona intorno a Foligno. Per dare maggiore efficacia alle ricerche i militari si sono serviti anche di un elicottero ed stato grazie all'equipaggio che operava a bordo del velivolo che ad un certo punto stata individuata dall'alto la Ford Focus, risultata poi rubata, in un bosco di Verchiano, sulle montagne di Colfiorito. Alla vista dell'elicottero l'uomo che era in auto scappato a piedi in mezzo ai boschi. Poco pi tardi, sempre nella zona di Colfiorito, un Suv di colore nero ha forzato uno dei posti di blocco falciando il maresciallo Andrea Angelucci. L'auto, anche questa rubata, si dileguata nella notte facendo perdere le proprie tracce. Da quel momento sono iniziate le ricreche in tutto il centro Italia. Il maresciallo stato trasportato subito all'ospedale di Foligno, ma il suo cuore, come detto, ha cessato di battere alle 4 di questa mattina.
Il militare, che viveva con la sua famiglia a Spello, era in forza da qualche tempo presso la Compagnia dei carabinieri di Foligno.
2/10/2009 ore 10:46
Torna su