23/11/2019 ore 00:43
Raccolta funghi: la Asl 4 indica modi e precauzioni da seguire per evitare spiacevoli conseguenze
Con l’inizio della stagione micologica, si ripropone la necessità di ricordare a tutta la cittadinanza, l’importanza, ai fini della tutela della salute pubblica, del rispetto di alcune regole in merito alla raccolta per il consumo proprio e per la commercializzazione dei funghi freschi spontanei. Si sottolinea che il controllo dei funghi freschi spontanei, effettuato da micologi regolarmente iscritti al registro nazionale ai sensi delle specifiche disposizioni in materia, avviene nei centri di controllo pubblico appositamente istituiti ed è gratuito per tutti i raccoglitori che intendono utilizzare i funghi raccolti destinati al consumo proprio.
Il controllo gratuito dei funghi epigei freschi spontanei avrà inizio giovedì primo ottobre e sarà effettuata, per l’intera stagione micologica, dagli esperti dell’Asl 4 di Terni presso:

DISTRETTO DI TERNI
Tutti i giorni feriali, presso:
- il mercato coperto comunale dalle ore 7 alle ore 8;
- la sede di via Bramante, 37, 2° piano scala B, dalle ore 16,30 alle ore 18,30 e nei mesi di novembre e dicembre (ora solare) dalle ore 15,30 alle ore 17,30;

DISTRETTO DI NARNI - AMELIA
Presso il mercato coperto di Narni dal lunedì al venerdì dalle ore 12 alle ore 12, 30 ed il Sabato dalle ore 11,45 alle 12,15 ;
Presso la sede di Amelia sita in piazza Vera dal lunedì al venerdì dalle 12,45 alle 14 ed il Sabato
dalle ore 12,30 alle ore 13,15;

DISTRETTO DI ORVIETO
Tutti i giorni feriali, presso la sede del Dipartimento di Prevenzione di via Postierla, dalle ore 8,30 alle ore 9,30.

Di seguito si indicano alcune importanti regole sanitarie da rispettare:
- raccogliere soltanto funghi di cui si è sicuri che appartengano a specie commestibili;
- non consumare funghi che non siano stati sottoposti a controllo sanitario preventivo;
- non acquistare funghi da chi effettua la vendita occasionalmente o in forma itinerante che non espongono la prescritta certificazione di avvenuto controllo sanitario;
- non consumare quantità eccessive di funghi;
- astensione dal consumo di funghi da parte di persone anziane, bambini, donne in gravidanza:
- in caso di insorgenza di disturbi dopo il consumi di funghi rivolgersi sempre con la massima sollecitudine al proprio medico di famiglia o al più vicino pronto soccorso.
Si ricorda infine che non esistono metodi, oggetti, ortaggi, metalli o altri sistemi della tradizione popolare in grado da stabilire se un fungo è buono da mangiare o velenoso in quanto l’unico sistema per stabilire se un fungo è commestibile o meno è quello di saperlo perfettamente determinare attraverso le sue specifiche caratteristiche morfobotaniche.
28/9/2009 ore 18:09
Torna su