13/08/2020 ore 18:30
Terni: dal 28 agosto al 5 settembre la parrocchia di San Zenone festeggia il patrono
La parrocchia di San Zenone in Terni celebra fino al 5 settembre la festa del patrono. Nei giorni della festa sono stati organizzati incontri culturali, gare sportive e di briscola, serate danzanti e stand gastronomici. Venerdì 28 agosto alle ore 20.30 nella chiesa di San Giovanni nel borgo vecchio si terrà una serata culturale e di attualità. Domenica 30 agosto inizierà il triduo in onore del patrono presso la chiesa di san Zenone presso il cimitero zonale. Lunedì 31 agosto alle 20.30 sarà la volta del corteo storico per la rievocazione del martirio di san Zenone che si snoderà lungo la via Flaminia, via Trevi e Rocca San Zenone dove sarà allestita la mostra fotografica "Raccontiamo la nostra storia". Martedì 1 settembre alle ore 21 nel cortile della chiesa parrocchiale sarà di scena la commedia dialettale "Lu fantasma de famija" a cura del Piccolo teatro città di Terni.
Mercoledì 2 settembre, festività liturgica di San Zenone, saranno celebrate le messe alle ore 8.30, 11 e alle 17 ci sarà la processione dalla chiesa del Cimitero a Rocca San Zenone, via Trevi, villa Spadoni, strada di Valserra fino alla chiesa parrocchiale. Alle ore 21 nella chiesa di san Giovanni la serata sarà dedicata al premio "Di Marchi". La vicenda storia di San Zenone risale agli inizi del cristianesimo; visse nel 200 d.C. e venne martirizzato durante l´impero di Diocleziano mentre era vescovo di Terni San Valentino. Il suo corpo, legato all´olivo, fu sottoposto al martirio della scarnificazione. Non fu mai identificato il luogo della sepoltura che la tradizione vuole sotto un olivo. La prima chiesa dedicata al santo sorse nei pressi del cimitero di Rocca San Zenone, ed è forse una delle più antiche chiese ternane. Fu edificata lungo la via Santa che partiva da piazza Valnerina a Terni fino alla rocca alle pendici del monte, così denominata in ricordo del martirio di Zenone e di altri cristiani, chiamati a testimoniare la fede con il sacrificio della vita. Intorno alla chiesa sorse l´insediamento abitativo a forma di castello in un punto strategico della valle del Serra con al vertice una torre cilindrica e più in alto sulla montagna un´altra torre che stabiliva un collegamento con gli altri presidi della zona.
27/8/2009 ore 0:40
Torna su