23/01/2020 ore 08:27
Arrestato per spaccio di stupefacenti un 23enne trovato dalla polizia con dosi di cocaina in auto
Lo hanno arrestato mentre entrava in città, per dirigersi, probabilmente, in qualche locale notturno. A bordo della sua macchina la polizia ha rinvenuto alcune dosi di cocaina pronte per essere spacciate. In manette è finito G. F. un 23enne residente a Montecastrilli. L'operazione rientra nell’ambito dei servizi predisposti per la prevenzione e repressione dei reati concernenti lo spaccio ed il consumo di droga in quei luoghi di maggiore aggregazione giovanile dove, principalmente nei fine settimana, è notorio l’abuso di droghe. Così agenti della Sezione Antidroga e della squadra volante della Questura, hanno intercettato il giovane poi tratto in arresto. Il ragazzo è stato intercettato a bordo della sua autovettura mentre, a velocità sostenuta, proveniente dal raccordo autostradale entrava in città. L'auto veniva fermata ed il giovane sottoposto a controllo. Da subito il ragazzo manifestava evidente nervosismo ed uno stato agitativo tale da destare sospetto nei poliziotti. Gli agenti procedevano ad un accurato controllo e rinvenivano, all’interno dell'autovettura dapprima un piccolo frammento di hashish e successivamente, nascosta dentro ad un pacchetto di fazzoletti di carta celato nel vano porta oggetti dell’automezzo, 8 dosi di cocaina confezionate in cellophane bianco termosaldato ad una estremità tipo “caramella” delle quali 7 da un grammo cadauna ed una di 5 grammi. La successiva attività investigativa permetteva di rinvenire e sequestrare in un locale limitrofo all'abitazione del giovane tutto il materiale utile al confezionamento ed alla preparazione delle dosi, sostanza da taglio nonché 700 euro in contanti, frutto dell’illecita attività in considerazione dello stato di disoccupazione attuale del ragazzo.
Gli investigatori ritengono che G. F. era diretto verso qualche locale notturno ternano dove erano ad attenderlo giovani dediti al consumo di droga. Al termine delle formalità di rito G. F. veniva associato alla locale casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Terni
25/8/2009 ore 0:05
Torna su