19/01/2020 ore 22:32
Incentivi dalla Regione dell'Umbria ai produttori vitivinicoli per partecipare a manifestazioni di rilevanza nazionale
Un incentivo ai produttori vitivinicoli umbri per partecipare con i loro prodotti alle manifestazioni di “grande rilevanza” e “promuovere”, in questo modo, i vini umbri in campo nazionale ed europeo: è quanto ha deciso la Giunta regionale dell’Umbria con un bando, pubblicato sul Bollettino Ufficiale (supplemento ordinario n.2 Bur n. 34, serie generale), con il quale, per gli anni 2010 e 2011, verranno erogati contributi a associazioni o gruppi di imprese (minimo cinque componenti, in qualunque forma giuridica costituite, escluse le organizzazioni professionali). Le manifestazioni fieristiche alle quali potranno partecipare sono il Vinitaly – Verona, Sol – Verona, Vinexpò – Bordeaux, Sial – Parigi, Anuga – Colonia. Le risorse del bando attingono a fondi comunitari del Programma di sviluppo rurale (“Psr”) 2007/2013, misura 1.3.3. e ammontano, nel complesso, a 1 milione e 800mila euro, suddivise in due annualità di 900mila, a loro volta così ripartite, per manifestazione: partecipazione Vinitaly, 500mila euro; Sol Verona, 100mila; Vinexpò - Bordeaux, Sial - Parigi e Anuga – Colonia, 300mila.
I finanziamenti, concessi in conto capitale, non potranno essere superiori al 70% delle spese ritenute ammissibili. In caso di spese pubblicitarie la percentuale scende al 50. Il singolo contributo non sarà inferiore a 30mila euro e quello massimo, per le tre manifestazioni all’estero, non potrà superare i 70mila. I contributi saranno attribuiti sulla base di un punteggio fondato su criteri che privilegeranno il numero dei componenti dell’associazione tra produttori, la presenza di giovani e donne, la rilevanza e le caratteristiche del progetto. Le domande andranno presentate, per i contributi 2010, entro le ore 13 del 12 ottobre 2009; per quelli del 2011 nel periodo tra il primo settembre e il 12 ottobre (ore 13) 2010. Il bando è consultabile sul Bollettino Ufficiale della Regione Umbria del 29 luglio 2009 o sul sito www.regione.umbria.it.
24/8/2009 ore 1:10
Torna su