22/01/2020 ore 20:32
Terni: La Destra chiede al Tar dell'Umbria di annullare le elezioni che hanno portato alla nomina del Presidente della Provincia
Presentato dalla Destra di Terni il ricorso elettorale contro l’elezione del Presidente della Provincia Feliciano Polli. E’ stata infatti depositata presso il Tribunale Amministrativo Regionale dell’Umbria tutta la documentazione con la quale il candidato Presidente della Destra Aldo Tracchegiani chiede che l’intera elezione del consiglio provinciale e del presidente della Provincia, avvenuta lo scorso 6 e 7 giugno, debba nuovamente svolgersi. "L’Ufficio elettorale Centrale - si legge in un comunicato diffuso da La Destra -, in sede di ammissione delle candidature, aveva deciso di non ammettere tre candidati in quattro distinti collegi, precisamente in quelli di Amelia, di Orvieto II e Orvieto III e di Ficulle, dove La Destra non ha avuto alcun candidato. La decisione del Collegio Elettorale era stata determinata, per due candidati, da un vizio di forma nella trascrizione delle date di nascita, elemento che, secondo la commissione, non avrebbe consentito l’esatta identificazione dei candidati stessi. Ciò - continua il comunicato - senza tenere conto che la stessa giurisprudenza amministrativa in tema di elezioni prevede invece che, in caso di errori materiali facilmente identificabili, questi possano essere sanati mediante ulteriori accertamenti sull’identità dei candidati. In questo caso addirittura, pur essendo stati eseguiti detti accertamenti, fugando ogni dubbio sulla volontà dei presentatori della lista e degli stessi candidati, si è invece voluto insistere sulla mancata ammissione dei tre nominativi". “Tale decisione è stata profondamente lesiva dei diritti del nostro Movimento – spiega il coordinatore provinciale della Destra Gianluca Procaccini – Oltre che ingiusta, in controtendenza rispetto a ciò che comunemente avviene in ogni parte d’Italia. Per questo chiediamo l’annullamento dell’intera elezione, in quanto la mancata ammissione dei candidati in quei quattro collegi potrebbe aver condizionato le scelte dei nostri potenziali elettori in tutta la Provincia, perchè poteva diminuire la possibilità di raggiungere il quorum del 3% e far pensare che il voto a noi potesse essere sprecato. Ed effettivamente, considerato che in Provincia il risultato di Tracchegiani è stato del 2,43%, non è escluso che con quei quattro collegi sarebbe andato tutto diversamente. Pertanto è necessario che si torni a votare in ogni collegio e la stessa elezione di Polli è da ritenersi sub judice. Quello che è certo è che la riammissione dei nostri candidati esclusi porterebbe alla nuova votazione perlomeno in tutti Comuni facenti parte di quei collegi”. Il ricorso, curato per la Destra dagli avvocati Maurizio Cecconelli e Livio Proietti, con la collaborazione di Ivo Fagiolari, è comunque già stato notificato sia all’Amministrazione Provinciale che al Presidente Polli e l’udienza di fronte al Tar di Perugia è fissata per il prossimo 7 ottobre.
3/8/2009 ore 2:05
Torna su