25/01/2020 ore 21:47
Muore un 17enne di Narni ucciso da una scarica elettrica mentre si fa la doccia in casa della nonna
Una tragica fatalità. Che è costata la vita ad un ragazzo narnese di 17 anni. Si tratta di Michele Vincenzoni, studente, che nella mattinata di ieri (sabato) è stato ucciso da una scarica elettrica mentre stava facendosi la doccia in casa della nonna a Morro Reatino. La scossa, stando ai primi accertamenti, è partita da un vecchio scaldabagno, anche se gli accertamenti dei carabinieri dovranno chiarire l'esatta dinamica dei fatti.Michele si trovava da alcuni giorni nel Reatino per trascorrere un breve periodo di vacanza in casa della nonna paterna; ieri mattina verso le 10, 30 ha deciso di farsi una doccia, una operazione normalissima che in quella stessa casa il ragazzo aveva ripetuto decine, forse centinaia di volte. Il destino, beffardo e crudele, era però in agguato. Michele ha fatto in tempo ad aprire il rubinetto dell'acqua calda che si è verificata la tragedia. Dal diffusore insieme all'acqua sarebbe scesa anche la corrente elettrica che non ha dato scampo al povero ragazzo, folgorandolo. Michele ha fatto in tempo a gridare, poi si è accascitao a terra; l'urlo ha richiamato l'attenzione della zia, l'unica persona presente in casa in quel momento. Il dramma si è consumato nel giro di una manciata di minuti. La donna ha chiamato il 118 per allertare i soccorsi, il suono della sirena dell'ambulanza ha squarciato il silenzio della calda mattina estiva nel tranquillo paese di Morro; il tentativo dei sanitari di rianimare il diciassettenne: ben venti, lunghi, interminabili minuti fra massaggi cardiaci e tentativi di varia natura. Ma non c'è stato niente da fare e alle 10.50 i medici sono stati costretti, loro malgrado, a constatare il decesso del povero ragazzo. Tutto il resto è stato soltanto un mesto giro di telefonate. Sono stati avvisati i genitori, la mamma che viveva separata da molti anni dal padre Alessandro, quest'ultimo originario di Morro ma che da molti anni aveva formato a Narni una nuova famiglia con la sua compagna Eleonora Mariani. Alessandro aveva avuto Michele da una precdente relazione, ma era cresciuto nella nuova famiglia tanto che in casa tutti gli volevano bene ed era molto affiatato anche con il suo fratellastro Marco, l'altro ragazzo di pochi anni più grande che Eleonora aveva avuto dal suo precedente matrimonio. La famiglia Vincenzoni-Mariani è conosciuta e stimata a Narni e dunque la notizia di questa tragedia ha immediatamente fatto il giro della città. Per tutti è stato uno shock teribile apprendere di questa imrpovvisa e tragica morte, non solo per la giovanissima età di Michele, ma anche per i contorni entro i quali la tragedia si è consumata. Contorni che ora dovranno essere approfonditi dagli investigatori chiamati a scrivere l'ultima pagina di questa storia. Possibile che la magistratura disponga l'autopsia sul corpo del giovane narnese. Più probabile che venga sollevata la necessità di ulteriori approfondimenti per dire con certezza se davvero quella maledetta scarica elettrica sia partita dal boiler. E se questo sia dipeso da un guasto, da un corto circuito oppure da una fatalità. Domande a cui si cerca una risposta. Risposte che però non bastano e non basteranno a spegnere il dolore.
2/8/2009 ore 5:05
Torna su