21/11/2019 ore 06:06
Terni: la consigliera provinciale Caronna (Pdl) chiede che venga fatta chiarezza sulla presenza di cromo nel laghetto del cantiere Terni-Rieti
“Chiarezza sulla vicenda relativa alla presenza di cromo esavalente nel cantiere della Terni-Rieti, azioni urgenti a tutela della salute e ampio monitoraggio da parte della Provincia”. Lo ha chiesto Gabriella Caronna (Pdl) in un’interrogazione nella quale fa riferimento alle note vicende che stanno interessando il cantiere della nuova arteria di collegamento fra i due capoluoghi di provincia. “Il cromo esavalente – spiega – è un agente cancerogeno ad alta pericolosità ed è stato dichiarato presente nel laghetto in concentrazioni cento volte superiori al limite di legge. Si è presunto anche l’inquinamento del torrente Tiscino, che confluisce nel Serra e quindi nel Nera, il che porterebbe conseguenze nefaste per tutto il nostro territorio e le zone limitrofe, con un incremento del rischio ambientale. Di tutto questo sono stati chiesti chiarimenti al sindaco di Terni, al presidente della Provincia, alla Forestale, all’Arpa regionale e sono stati informati il Ministero dell’Ambiente, la presidente della Regione e il procuratore capo Cardella. Siamo allibiti – dice poi la Caronna - che un ritrovamento di tale grave entità sia avvenuto in modo, per così dire, ‘casuale’ nonostante le sue dimensioni e il suo posizionamento denotino nei fatti una preesistente situazione di consolidato degrado ambientale, con pesanti ricadute soprattutto sulla salute pubblica”.
(foto di repertorio)
18/7/2009 ore 15:12
Torna su