21/11/2019 ore 15:09
Operazione antidroga dei carabinieri di Rieti, in carcere anche persone residenti a Terni
Ci sono anche alcune persone residenti a Terni tra i soggetti arrestati dai carabinieri di Rieti al termine di una grossa operazione antidroga. I militari del Nucleo operativo e radiomobile del capoluogo sabino hanno eseguito in tutto sei ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di altrettante persone ritenute responsabili, a vario titolo ed in concorso tra loro, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività investigativa ha preso il via ad ottobre del 2008 quando i carabinieri individuarono nella zona delle Quattro Strade un soggetto locale intento a cedere una dose di eroina ad un tossicodipendente. L'uomo venne arrestato e successivamente messo agli arresti domiciliari, ma lo spacciatore riprese ben presto la sua illecita attività, non immaginando che i militari continuavano a tenerlo d'occhio. Così sono stati individuati altri soggetti che frequentavano il reatino, tra questi la sua fidanzata, una insegnante di 36 anni originaria di Bussolengo ma residente a Rieti, ed un 40enne, impiegato. I due sono stati pedinati a Terni e a Perugia, città dove avvenivano principalmente gli scambi di droga tra i reatini ed i pusher umbri. A Terni i militari reatini, lo scorso 24 dicembre eseguirono un secondo arresto in flagranza per spaccio di eroina, a carico di una 30enne di Amelia, sorpresa a cedere eroina ad un giovane reatino. Il pendolarismo dei tossicodipendenti del capoluogo sabino verso le principali città umbre ha dato il nome all’operazione denominata "Thyrus" (drago). A cadere nella rete dei carabinieri sono stati un uomo di 38 anni di Terni ed una tunisina di 44 anni, entrambi operantio nel nostro capoluogo. Per loro l'accusa di aver ceduto eroina a giovani tossicodipendenti provenienti dalla provincia di Rieti.

15/5/2009 ore 3:42
Torna su