17/11/2019 ore 07:49
La Guardia di Finanza di Terni scopre padre e figlio evasori totali, solo nel 2007 avevano frodato il Fisco per milioni di euro
Un "vizio" di famiglia. Che ha coinvolto padre e figlio in una disavventura culminata con l'intervento della Guardia di Finanza del comando provinciale di Terni. I due, padre e figlio, fanno lo stesso lavoro ed a quanto pare avrebbero avuto la stessa "disattenzione", nel dimenticarsi di presentare la dichiarazione annuale dei redditi e dell’Iva. Una sciocchezza, insomma, per chi di mesteire fa l'imprenditore e dunque avrebbe l'obbligo di conoscere quali sono i suoi doveri di contribuente nei confronti dello Stato. A seguito di due distinte verifiche fiscali effettuate dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Orvieto, nei confronti di una società e di una ditta individuale, facenti capo a padre e figlio operanti nel settore dell’edilizia residenziale è stato appurato che entrambi sono evasori totali per l’anno d’imposta 2007, ovvero non hanno presentato alcuna dichiarazione dei redditi relativa al predetto periodo. Alla società del padre sono stati contestati elementi positivi di reddito non dichiarati per 2.2500.000 euro oltre a 200.000 euro tra Iva dovuta e non versata, fatto che è costato al contribuente una denuncia a piede libero alla locale Procura della Repubblica; invece la base imponibile Irap sottratta a tassazione che è stata segnalata all'Agenzia delle Entrate è pari a 2.200.000 euro. Nei confronti del figlio è stato appurato che l’imponibile sottratto a tassazione è di circa 4.700.000 euro e la stessa somma è stata sottratta quale base imponibile Irap.
13/5/2009 ore 9:24
Torna su