01/10/2020 ore 05:55
Terni: dal 9 al 15 maggio l'associazione Armonia di Qualità Diverse organizza "Sguardi diversi sulla corporeità"
L’Associazione Armonia di Qualità Diverse presenta "Sguardi Diversi sulla Corporeità", tre eventi dal 9 al 15 maggio, ad ingresso libero e gratuito, per un viaggio alla scoperta del “corpo” come protagonista di un’esigenza di presenza, espressione, relazione e identità. Si comincia sabato 9 e domenica 10 maggio con “13 Fiori” azione performativa finale del Laboratorio Permanente “Essere in scena. Linguaggi espressivi e rappresentazione”, per la regia di Luca Labarile e Simona Troiani, alle 21 al Teatro "C" del Centro Multimediale di Terni. Giovedì 14 maggio invece, sempre alle 21 al teatro "C" del CMM, la Compagnia VI – KAP di Bologna presenta “XXH. Sulle emozioni del corpo”, conferenza performance su handicap e sessualità, dal laboratorio sperimentale di danza e teatro fisico condotto da Anna Albertarelli e Roberto Penzo, dell’Associazione Stamina di Bologna. Venerdì 15 maggio, alla Sala Rossa di Palazzo Gazzoli, avrà luogo, a partire dalle 9, una giornata di studio sul tema “I vissuti della corporeità” suggerimenti possibili e impossibili nel confronto fra handicap e sessualita’, a cura del professor Roberto Penzo, coordinatore scientifico dell’Associazione Stamina di Bologna. Armonia di Qualità Diverse intende presentare al pubblico il primo step di un particolare progetto di rete, che vorrebbe in futuro integrare e coinvolgere le diverse realtà locali interessate a promuovere un nuovo concetto di identità e relazione umana in ambito sociale, artistico ed educativo. Da diversi anni l’Associazione, per forte volontà del presidente Mauro Brussard, ha attivato a Terni una serie di interventi volti ad approfondire le dinamiche artistiche, espressive e comunicative presenti all’interno dei Centri Diurni di Riabilitazione che ospitano utenti cosiddetti diversamente abili. Sono nati così due differenti laboratori, ideati e condotti da Simona Troiani, esperta di linguaggi ludico-espressivi non verbali. Il primo, attivo dal 1998, si chiama “Laborabile”, rivolto espressamente agli utenti dei Centri, il secondo invece, attivo dal 2003, è un laboratorio formativo rivolto agli operatori sociali, ma anche ad insegnanti ed educatori, si chiama “Essere in scena. Linguaggi espressivi e rappresentazione” ed è condotto in collaborazione con Luca Labarile, esperto di teatro e drammaturgia. Entrambi i Laboratori, divenuti permanenti, hanno inteso consolidare la propria esperienza all’interno di una rete di scambio metodologico e operativo attivata per iniziativa di Carlotta Alessandrini della Compagnia del Pino, permettendo di ospitare l’Associazione Stamina di Bologna, che da anni incentra il suo lavoro sulle dinamiche affettive, artistiche e relazionali di persone e gruppi che includono abilità e disabilità. Negli ultimi anni l’Associazione Stamina si è concentrata soprattutto sul tema della sessualità, intesa come valorizzazione dell’esperienza e della rappresentazione corporea al fine di apprendere nuove e differenti opportunità, cercando di realizzare, attraverso l’espressione corporea e il linguaggio non verbale, una conoscenza ulteriore della propria dimensione emozionale. Gli eventi in programma, patrocinati dal Comune di Terni, sono stati realizzati con il contributo della Fondazione Carit, della Coop Centro Italia, dell’Asl n.4, dell’VIII Circoscrizione Cervino, della Regione Umbria e della Provincia di Terni, in collaborazione con la F.I.S.H., il Ce.S.Vol, la Compagnia del Pino e Skenè Teatro.


8/5/2009 ore 23:55
Torna su