24/01/2020 ore 09:44
Terni: giovedi 14 maggio a Palazzo Bazzani presentazione del progetto "Frutti antichi"
La Provincia riscopre l’”arancio amaro” di Terni, restituendolo alla tradizione agronomica locale. L’iniziativa, ricompresa all’interno del progetto “Frutti antichi” con la collaborazione dell’Istituto di Biologia agroambientale e forestale del Cnr di Porano, fa parte di una ricerca, commissionata da Palazzo Bazzani e condotta dagli agronomi Enrico Maccaglia e Isabella Dalla Regione, che hanno incentrato lo studio sul recupero, la conservazione e la valorizzazione delle varietà locali di “arancio amaro”, conosciuto anche con il nome di “melangolo” (o più comunemente merangola). Il progetto chiuso nel marzo scorso sarà presentato giovedì 14 maggio alle 16,00 in Sala del Consiglio provinciale dove verranno illustrate tutte le caratteristiche del frutto e le specificità della ricerca. Il lavoro, al quale hanno collaborato anche altri ricercatori come Fiorella Villani, Claudia Mattioni e Marcello Cherubini, prevederà anche alcuni approfondimenti scientifici da parte del Cnr e della Regione Umbria. Il primo sulla “Caratterizzazione genetica di accessioni di arancio amaro dell’area ternana” e il secondo sulla “Rete regionale di ville, parchi e giardini” condotto dalla responsabile della sezione Sistemi paesaggistici della Regione Umbria Maria Carbone. Dalla ricerca è emerso che in tutto il Ternano esistono almeno 20 esemplari di “arancio amaro”, di 70-80 anni di vita e dal grande valore storico-culturale. I frutti della pianta dell’”arancio amaro”, la cui presenza è testimoniata anche dagli statuti comunali di Terni del 1300, venivano utilizzati in passato per il condimento di bruschette o di pietanze a base di carne di maiale e accompagnavano l’olio nuovo. Queste usanze sono ancora oggi in vigore soprattutto in alcune frazioni e piccoli centri del territorio provinciale, tra cui Cesi, Narni, Orvieto, Schifanoia e Vigne, mentre a Terni il frutto è utilizzato sia a scopo ornamentale nei giardini che per confetture e liquori.
8/5/2009 ore 14:20
Torna su