13/08/2020 ore 10:23
Casa: negli ultimi cinque anni l'Ater ha consegnato in Umbria 1.638 abitazioni, 700 di queste a Terni
Negli ultimi cinque anni sono state assegnate dagli Ater (Aziende territoriali per l’edilizia residenziale) 938 abitazioni in provincia di Perugia e 700 in provincia di Terni, cifre che comprendono anche gli interventi di ristrutturazione, a fronte di oltre 5mila domande in pendenza, 4mila nel perugino e 1.400 nel ternano. Le cifre sono state fornite al Comitato di monitoraggio e vigilanza del Consiglio regionale dai due presidenti degli Ater di Perugia e Terni nel corso dell’incontro tenutosi nei giorni scorsi a Palazzo Cesaroni, ultimo di una lunga serie che ha visto i responsabili di Enti e Agenzie partecipate dalla Regione Umbria relazionare ai membri del Comitato sulle rispettive attività, con l’esposizione di criticità e prospettive. Ai cittadini stranieri vanno il 30 per cento delle abitazioni ad edilizia agevolata in provincia di Perugia, il 20 per cento a Terni. La morosità incide per il 18 per cento sui bilanci degli Ater sia di Perugia che di Terni. Il costo al metro quadro di queste abitazioni è di 1.930 euro a Perugia e 1.300 a Terni. Infine, si è discusso degli 8 milioni di euro, cinque per Perugia e tre per Terni, che fanno parte dei 550 milioni previsti dal Piano casa del Governo: c’è il rischio che non siano più disponibili a causa dell’emergenza terremoto in Abruzzo, ma sono in corso trattative tra Stato e Regioni per risolvere al meglio questo problema. Dopo le audizioni, il Comitato di monitoraggio trasmetterà le proprie risoluzioni al Consiglio regionale nella relazione semestrale prevista per il mese di giugno.
7/5/2009 ore 6:45
Torna su