22/11/2019 ore 22:22
Terni: la Guardia Forestale ha dissequestrato il canile di Colleluna, soddisfazione tra gli amministratori comunali
La Guardia Forestale ha dissequestrato il canile di Colleluna. Il decreto di revoca del sequestro preventivo segue l'intervento che era stato disposto dalla Procura della Repubblica lo scorso 9 marzo. Il dissequestro, firmato dal Sostituto Procuratore dott.ssa Elisabetta Massini, è stato formalizzato a seguito dell’istanza con la quale il Dirigente del Servizio Ambiente dell’Amministrazione comunale Salvatore Rapisarda aveva illustrato, nei giorni scorsi, gli interventi del Comune in ottemperanza ai rilievi della Procura. In merito alla misura adottata, il Sindaco Paolo Raffaelli e l’Assessore all’Ambiente Gianfranco Salvati hanno commentato con soddisfazione il provvedimento. “Prendiamo atto - hanno detto i due amministratori comunali - di una decisione del Magistrato inquirente che ha valutato positivamente i progetti, ma soprattutto i lavori ingenti già effettuati dall’Amministrazione comunale, quelli avviati e gli altri da realizzare per rendere il canile di Colleluna sempre più accogliente e sicuro. Le iniziative intraprese dal Comune, con un notevole sforzo finanziario ed organizzativo, erano peraltro ben note e largamente pubblicizzate da tempo. Con il provvedimento di dissequestro - hanno aggiunto - si creano le condizioni per un ritorno a corretti criteri di gestione del canile dopo una fase caratterizzata da atteggiamenti privatistici ed inaccettabili, che abbiamo già avuto modo di segnalare come Amministrazione comunale e che non sono sfuggiti nemmeno a quelle componenti animaliste che guardano alla questione del canile come un problema ambientale e sociale e non come un ambito privato di interessi. Con l’associazionismo animalista proseguiremo, intensificandolo, un rapporto di collaborazione che porti la città di Terni, in maniera concertata e condivisa, ad una stabile soluzione delle problematiche di accoglienza, di cura e di riadozione connesse al fenomeno del randagismo. Il Servizio Ambiente, che ha sempre gestito con equilibrio, competenza e responsabilità, la struttura nell’interesse della comunità cittadina, sicuramente ripristinerà le regole che erano recentemente state adottate per garantire la corretta gestione del canile e il benessere degli animali".

17/4/2009 ore 16:41
Torna su