21/11/2019 ore 15:11
Terni: martedi 21 aprile la Circoscrizione Colleluna organizza un incontro con Alvaro Caponi per parlare del cantiere navale di Montoro
Martedì 21 aprile alle 18, presso i locali della Biblioluna della IV Circoscrizione Colleluna, l’associazione Terni Racconta organizza un incontro dal titolo:”Conferme scientifiche sul porto-cantiere navale etrusco di Montoro”, a cura del professor Alvaro Caponi. In località Le Mole, oltre Stifone, ci sono i resti di un cantiere navale all’interno di un canale artificiale che sfocia sul fiume Nera. La sua posizione è a ridosso di quello che era il porto fluviale dell’antica Narnia, a dimostrazione che il Nera veniva anticamente utilizzato per il trasporto di uomini e materiale che dall’Umbria arrivava fino a Roma, lungo la via fluviale che prosegue ad Orte con il fiume Tevere. Molti sono stati gli studi condotti sull’argomento, dai classici latini, come lo storiografo Strabone, per arrivare al prezioso contributo lasciato, nel XVI secolo, dal gesuita Fulvio Cardioli , ad opera del quale si sono conosciute le coordinate geografiche dell’antico porto fluviale di Narni. In questa ricerca, un posto di primo piano è occupato dal nostro conferenziere, il Prof. Alvaro Caponi che, oltre ad avere scritto numerose pubblicazioni sull’argomento, ha anche guidato un spedizione composta da persone della vicina frazione di Nera Monitoro che, come molti della zona, conoscendo la storia popolare tramandata nel tempo, hanno intuito la destinazione dei resti archeologici in cui si erano imbattuti.
Purtroppo, come avviene per altre bellezze artistiche presenti in Italia, i resti artistici del cantiere navale, nonostante i numerosi appelli di molti studiosi, quali il Caponi appunto, si trovano in uno stato di abbandono, avvolti da un’abbondante vegetazione e circondati da acque stagnanti, con il rischio che possano subire ulteriori danni che ne mettano a repentaglio la loro già parziale integrità.
Anche per questa ragione è necessaria una forte partecipazione di pubblico a questo incontro, quale spinta propulsiva nei confronti di quei studiosi che si sforzano, con ogni mezzo a disposizione, affinché queste vestigia del nostro passato non vadano perdute o finiscano nel dimenticatoio.

17/4/2009 ore 0:43
Torna su