17/10/2019 ore 15:32
Vendeva cinture con incorporate lame di coltello, denunciato un commerciante ternano di 33 anni
Armi bianche per l'offesa. Si chiamano così anche dei semplici coltelli che superano le dimensioni previste dalla legge. Così nei confronti di un commerciante ternano di 33 anni è scattata una denuncia per vendita non autorizzata di armi bianche. Nel suo negozio sono state poste sotto sequestro, dagli uomini dell'ufficio di Polizia Amministrativa diretto da Maurizio Fiorillo, centinaia di fibbie per cinture, dotate di una lama nascosta al loro interno. Tutto è partito da una semplice intuizione avuta da un poliziotto ternano al quale il figlio gli ha mostrato una cintura "speciale", all'apparenza identica alle altre ma dotata di un dispositivo che facendolo scattare permetteva ad una lama nascosta nella fibbia di uscire fuori con tutta la sua pericolosità. Un'arma vera e propria che ha subito messo in allarme l'agente il quale ne ha parlato con i suoi superiori in Questura; da qui l'avvio immediato delle indagini che ha portato alla individuazione del negozio presso il quale il ragazzo aveva acquistato la cinta. Il titolare dell'esercizio ha raccontato ai poliziotti di aver acquistato fibbie e cinture tramite internet, ignaro del fatto per questo genere di articoli fosse vietata la vendita. Nel corso dell'interrogatorio è stato appurato che alcune decine di queste pericolose cinture erano già state vendute ad altrettanti ragazzi, sembra tutti minorenni ed alcuni dei quali consapevoli del doppio uso cui l'oggetto acquistato poteva essere sottoposto. La polizia ha reso noto che è proibito anche il possesso delle fibbie che comporta l'arresto e pene fino a tre anni di detenzione. Gli inquirenti hanno verificato che le fibbie sono di produzione cinese, mentre le cinture con coltello incorporato, verrebbero dagli Stati Uniti. Le indagini proseguono per individuare eventuali altri negozi che potrebbero avere in vendita questi oggetti.
(Nella foto gli agenti della questura ternana con alcune delle fibbie sequestrate)
18/3/2009 ore 1:29
Torna su