17/10/2019 ore 23:11
Terni: la Fondazione Carit ha donato al reparto di Ostetricia e Ginecologia del "Santa Maria" un ecografo di ultima generazione
Un ecografo di ultima generazione. Che permetterà diagnosi ancor più precise e risparmi di tempo importanti nell'adozione delle terapie. Grazie alla Fondazione Carit, la struttura complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’Azienda Ospedaliera “S.Maria” di Terni diretta dal dottor Giampaolo Passalacqua è stata fornita di un apparecchio ecografico di ultima generazione: il Voluson E 8 della General Electric. La peculiarità di questo nuovo macchinario sta nell’offrire diagnosi precocissime nel campo dei tumori della sfera dell’apparato genitale femminile. In campo ostetrico permette inoltre diagnosi tempestive ed efficaci delle malformazioni o anomalie del feto e degli stati di sofferenza del bambino nella sua vita intrauterina e permette l’acquisizione di immagini volumetriche del cuore fetale per la presenza del SonoVCAD, nuovo strumento di calcolo automatico delle immagini. La Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’Azienda Ospedaliera di Terni, centro ad alta specializzazione di III livello in Umbria, fornisce un servizio ecografico continuativo a favore dell’utenza esterna, delle pazienti ricoverate nel reparto e consulenze alle donne ricoverate presso altre corsie ospedalieri. Molto significativo il volume di attività del reparto. “Nel 2008 - dichiara il direttore della Struttura Giampaolo Passalacqua - abbiamo effettuato 4750 ecografie, tra ecografie interne, esterne, del servizio IVG (interruzione volontaria della gravidanza) e per le amniocentesi precoci”.
“Sono numeri - spiega il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Gianni Giovannini - che confermano l’importanza di questa donazione da parte della Fondazione Carit, da sempre attenta e sensibile alla promozione della salute nel territorio provinciale e alle nuove necessità delle strutture sanitarie e ospedaliere”. “Il nuovo ecografo - prosegue il dottor Gianni Giovannini - migliorerà il lavoro in termini di efficacia, di sicurezza, di rapidità e praticità con sicuro beneficio sia per le utenti che per il personale della struttura complessa di ostetricia e ginecologia”. La rilevanza, infatti, dell’apparecchio Voluson E 8 Ge sta nell’essere dotato di una nuova, rivoluzionaria sonda transvaginale 4D e di nuove sonde volumetriche che definiscono una nitidezza delle immagini grazie ad una tecnologia altamente ottimizzata.
9/3/2009 ore 13:15
Torna su