22/11/2019 ore 16:05
Collegamenti ferroviari: giovedi 8 gennaio incontro tra l'assessore regionale ai Trasporti Mascio ed i vertici di Trenitalia
Ancora problemi per chi viaggia in treno. Con il rischio di nuovi tagli sui collegamenti tra la nostra regione e la Capitale. La soppressione dei collegamenti Eurostar nella tratta Perugia-Roma e il doppio regime di abbonamento per i pendolari umbri per l’utilizzo degli Eurostar e di treni di categoria inferiore, sono le principali questioni che verranno affrontate giovedì 8 gennaio (ore 15), a Perugia, nel corso di un incontro convocato dall’assessore regionale ai Trasporti Giuseppe Mascio con i vertici nazionali e regionali di Trenitalia. “È intenzione del Governo – spiega Mascio - non finanziare più la doppia coppia di Eurostar Perugia-Roma che, è superfluo ricordarlo, rappresenta un collegamento indispensabile per raggiungere i principali punti di snodo sul territorio nazionale. Le conseguenze sarebbero gravissime per tutta l’Umbria e non solo per la città di Perugia, a cui si aggiungono Foligno, Spoleto e Terni. Il governo - sottolinea Mascio - da una parte sostiene il collegamento veloce Milano-Roma e dall’altra cancella del tutto l’unico collegamento veloce dell’Umbria verso Roma. Un comportamento inaccettabile, contro il quale la Regione Umbria si attiverà in tutte le sedi necessarie, così come accaduto quando l’allora governo Prodi prese la medesima decisione. Chiedo quindi anche ai parlamentari eletti in Umbria di sostenerci in questa battaglia, con l’augurio che il Governo Berlusconi dimostri la stessa sensibilità manifestata dal governo Prodi ed eviti la soppressione del collegamento. A questa criticità - continua l’assessore regionale - si associa l’impossibilità per i pendolari umbri di prendere treni Eurostar ed Intercity con il titolo di viaggio dei treni regionali ed interregionali, adeguando semplicemente il biglietto. Con le nuove regole di Trenitalia, i pendolari sono costretti ad acquistare due abbonamenti, per gli Eurostar e per i treni regionali. Ho già chiesto all’amministratore di Trenitalia, Fabrizio Imperatrice, di sospendere qualsiasi azione legata alla soppressione dei treni e al doppio titolo di viaggio fino al 8 gennaio, data in cui incontrerò i dirigenti nazionali del servizio regionale, tra cui il responsabile dei treni regionali e interregionali Giancarlo Laguzzi, il responsabile dei passeggeri Giovanni Cassola e Alberto Scattone, responsabile per le Relazioni con gli Enti locali”.


7/1/2009 ore 4:44
Torna su