18/07/2019 ore 21:49
Terni: ordinanza urgente per decretare l'abbattimento di 22 pini pericolosi nella zona di via Campofregoso
Verranno inesorabilmente abbattuti. Ma per questioni legate alla sicurezza della circolazione e di conseguenza alla incolumità delle persone. Il sindaco Raffaelli ha firmato l’ordinanza contingibile ed urgente con la quale si dispone dunque l’abbattimento di 22 pini domestici radicati sui marciapiedi del tratto di via Campofregoso compreso tra via Gramsci e via dell’Argine. L’operazione avrà inizio oggi (martedi 30 dicembre) e la Direzione del servizio manutenzione verde pubblico, alla quale è demandato il controllo dell’esecuzione dei lavori, si è impegnata a concluderla entro il 6 gennaio al fine di evitare il più possibile i disagi che potrebbero verificarsi per la interruzione, nell’area interessata, della circolazione stradale. Il provvedimento, spiega il Sindaco, si rende necessario per tutelare la pubblica incolumità e sulla base di una relazione del tecnico forestale dottor Corrado Gualfetti, che è stato subito attivato all’indomani dell’improvviso crollo in quella zona, il 16 dicembre scorso, di due esemplari dello stesso pino. L’ordinanza è stata illustrata stamattina alle associazioni ambientaliste in un apposito incontro promosso dall’assessore al Verde Pubblico Carlo Rozzi ed al quale hanno partecipato il Direttore Generale Caterina Grechi ed il Dirigente del settore Salvatore Rapisarda. Nel corso della riunione l’assessore ha ribadito l’assoluta urgenza della misura adottata e l’impegno ad avviare una collaborazione con la Facoltà di Agraria dell’Università di Perugia per una ricognizione sul patrimonio arboreo della città. In questo senso il Direttore Generale Caterina Grechi, su sollecitazione del Sindaco Raffaelli, ha preso contatti con il Preside della facoltà professor Pennacchi e con il professor Alvaro Standardi dell’Istituto di Patologia Botanica che fin da metà gennaio compirà una valutazione sui rischi di schianto connessi con la stabilità degli esemplari arborei.



30/12/2008 ore 4:23
Torna su