10/12/2019 ore 10:22
Orvieto: torna anche quest'anno il "Presepe nel Pozzo" che rimarrà aperto fino all'11 gennaio 2009
Torna per il ventesimo anno consecutivo il Presepe nel Pozzo di Orvieto. L'evento avrà luogo, dal 23 dicembre all’11 gennaio 2009, all'interno dell’ultima grande grotta del percorso ipogeo del Pozzo della Cava, nel cuore del quartiere medievale di Orvieto, che ospiterà una nuova e originale edizione del presepio-evento ritenuto dalla stampa nazionale e internazionale tra i più suggestivi e insoliti d’Italia. Il tema conduttore scelto per l’allestimento 2008-2009 è L’Angelo, unica tematica ricorrente del presepio, che già era stata affrontata per l’edizione del decimo e del quindicesimo anno, e che quest’anno vedrà un allestimento molto più ricco dei precedenti, con nuovi personaggi e un impianto scenico completamente rinnovato. Non si rinuncerà, comunque, né alla precisa e documentata ricostruzione storica degli usi e dei costumi della Palestina dell’anno zero, né ai personaggi animati a grandezza naturale, eseguiti da professionisti degli effetti speciali teatrali e cinematografici. Confermata infatti la partnership con la nota società di effetti speciali FantaX di Roma, a cui si affianca da quest’anno, per la realizzazione del nuovo Gesù Bambino, Fiorenza Biancheri, esperta di reborn, arte del rigenerare bambole industriali per trasformarle in nuovi realistici “bambini”. La novità principale è che non ci sarà un solo angelo, ma più creature celesti, interpretate in più modi diversi: dallo spirito di luce al testimone della potenza divina, dal messaggero di Yahweh al tenero testimone della nascita del Messia bambino. Naturalmente questa riedizione del tema più amato dai visitatori dell'evento sarà ambientata, come consuetudine, nelle grotte del Pozzo della Cava, ricche di ritrovamenti archeologi etruschi, medievali e rinascimentali, che faranno sia da scenario che da introduzione al presepio, con alcuni diorami a grandezza naturale che proporranno l’annunciazione, il sogno di Giuseppe e l’annuncio ai pastori.
22/12/2008 ore 0:05
Torna su