20/11/2019 ore 13:21
Terni: domenica 21 dicembre il vescovo Vincenzo Paglia consacra la nuova chiesa parrocchiale di Borgo Rivo
Domenica 21 dicembre alle 11 il vescovo Vincenzo Paglia presiederà la celebrazione per la consacrazione della nuova chiesa parrocchiale di Santa Maria del Rivo, realizzata nell´imminenza del Giubileo del Duemila su progetto dell´architetto Luca Tordelli, ha inteso privilegiare l´idea del "contenitore" polifunzionale (per le celebrazioni festive così come per iniziative culturali), adiacente alla chiesa costruita nel 1673 da Giovanni Tamagnini, la quale rimane tuttora la chiesa "feriale" e, ancor più, il "santuario" mariano. Per tale motivo il nuovo edificio non venne dedicato ma semplicemente benedetto, così come non erano stati previsti, al suo interno, i luoghi liturgici e nemmeno i banchi per i fedeli, sostituiti con delle sedie. Durante la celebrazione verrà dedicato il nuovo altare realizzato dal passionista Tito Amodei il quale ha realizzato anche gli altri elementi: l´ambone, la sede presidenziale, il fonte battesimale, il tabernacolo, il crocefisso e il mosaico raffigurante la Madonna del Rivo, titolare della chiesa. Il progetto globale è stato progettato dallo scultore insieme ai giovane architetto Luca Bodard. A livello concettuale il tabernacolo, l´ambone e il fonte si riferiscono direttamente alla forma ovoidale, che richiama immediatamente l´uovo simbolo per eccellenza della vita e della redenzione. La genialità dell´idea sta proprio nella forma prescelta, che "custodisce" al contempo il Pane, la Parola e l´Acqua. Per accedervi occorre "aprire" il contenitore rompendone momentaneamente l´equilibrio per scoprirne il contenuto che salva. Un disco dorato e ovale è presente anche sullo schienale della sede, ad indicare il ruolo di guida salvifica di colui che presiede in Persona Christi. Al centro dell´abside troneggia l´immagine della Madre di Dio invocata sotto il titolo di Madonna del Rivo, realizzata con la tecnica del mosaico da Radha Barbolini. Le tessere musive sono lapidee non riflettenti appositamente scelte per armonizzarlo nel contesto parietale in mattoni di cotto. Gli elementi sono stati predisposti e istallati dalla Ditta Battini di San Terenziano (Perugia). L´intervento artistico è stato finanziato dall´otto per mille a disposizione della Conferenza Episcopale Italiana.


21/12/2008 ore 1:48
Torna su