10/08/2020 ore 11:06
Terni: studenti degli istituti superiori hanno partecipato a "CinemaGiovani" un progetto voluto da Comune e Provincia
Il cinema visto da dentro. E’ l'esperienza che anche quest’anno hanno potuto sperimentare 136 studenti di due istituti superiori di Terni, il Liceo classico Tacito e l’Istituto Istituto d’Arte e per Geometri, oltre all’Istituto d’Istruzione Artistica e Classica di Orvieto, grazie a CinemaGiovani un progetto del Comune di Terni, che da anni mira alla diffusione della cultura e del linguaggio cinematografico nelle scuole di ogni ordine e grado. CinemaGiovani, che si è concluso il 5 dicembre, ha avuto la collaborazione della Provincia di Terni, dell’Ufficio Scolastico Provinciale e il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Fondo per lo spettacolo dal vivo. Tra le iniziative alle quali hanno partecipato gli studenti ci sono stati alcuni laboratori intensivi (regia/fotografia, sceneggiatura, recitazione, foto di scena, costumi e cinema d’animazione) condotti da esperti quali Elisa Amoruso, Marco Giombini, Alessandro Pambianco, Viviana Rubini, Iacopo Zanon, Marzia Ubaldi e Emanuela Moschin. Gli studenti hanno poi assistito alla proiezione de “Gli acchiappafilm” di Michel Gondry, al quale è seguito l’incontro con il regista Alessandro Fusto, componente del collettivo Amanda Flor, che ha realizzato il film digitale a basso budget La rieducazione, presentato al Festival di Venezia. Alla proiezione del film sono stati presenti gli studenti del Liceo Gandhi di Narni e una classe dell’Ipsia di Terni. L’attività dei laboratori si è conclusa il 5 dicembre con un incontro al quale hanno preso parte tutti i ragazzi che hanno partecipato ai diversi corsi. “L’incontro – spiegano gli organizzatori della direzione diritto allo studio del Comune di Terni - è stato anche un punto di partenza per la seconda parte di questa esperienza formativa: nella prima metà del 2009, si inizierà infatti a lavorare per la realizzazione di un cortometraggio che nasca dalla collaborazione dei diversi laboratori, con il contributo dell’Istituto Briccialdi per la colonna sonora. Per gli studenti che vorranno aderire sarà un’occasione per sperimentare le dinamiche del lavoro di gruppo che caratterizzano la produzione audiovisiva”.
5/1/2009 ore 5:33
Torna su