10/07/2020 ore 08:37
Terni: maxi operazione della Guardia di Finanza che arresta dodici persone coinvolte in un traffico di cocaina
Dodici persone arrestate per traffico di sostanze stupefacenti. Questo il bilancio di una brillante operazione condotta dal Comando Compagnia della Guardia di Finanza di Terni, in esecuzione di ordini di custodia cautelare emessi dal Giudice delle Indagini preliminari di Terni Maurizio Santoloci.
L’indagine eseguita dai finanzieri di Terni e diretta dal sostituto procuratore Raffaella Gammarota, ha spalancato le porte del carcere a sei persone residenti a Terni, quattro a Roma (tra le quali un albanese ed una donna dominicana), una a Viterbo ed una a Giulianova (TE). Gli altri arrestati sono stati condotti presso gli istituti di pena di Terni, Viterbo, Teramo e Roma. Il traffico scoperto assicurava il costante il rifornimento del mercato ternano di ingenti quantitativi di cocaina, tutti provenienti da Roma. L’indagine della Guardia di Finanza ha evidenziato il ruolo primario avuto da un uomo di 41 anni di Terni (A.C.), il quale durante il periodo delle investigazioni si trovava ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di via XX Settembre. L'uomo doveva scontare una pena a seguito di un precdente arresto avvenuto dopo che era stato trovato in possesso di 200 grammi di cocaina. Ma gli arresti domiciliari non hanno fermato l'attività dell'indagato il quale dal proprio domicilio avrebbe continuato ad essere uno dei registi principali della attività di spaccio scoperta dai finanzieri. L'uomo riceveva spesso la cocaina direttamente a casa mentre e quando questo non era possibile, provvedeva ad inviare delle persone di fiducia a Roma doveva la merce veniva ritirata e poi trasprtata a Terni. L’indagine aveva condotto nel tempo all’arresto di 5 persone e al sequestro di circa 800 grammi di cocaina. La Guardia di Finanza ritiene che il traffico di sostanze stupefacenti fosse ormai in atto da oltre un anno e che complessivamente siano stati immessi sul mercato di Terni quantitativi consistenti di cocaina. Ai singoli consumatori la droga veniva ceduta ad un prezzo di circa 60/70 euro a dose, considerando che ognuna di queste conteneva circa 25/30 milligrammi di cocaina pura.
3/12/2008 ore 12:20
Torna su