12/12/2019 ore 20:19
Giovani prostitute rumene sorprese di notte dalla polizia nelle vie di Terni e in un appartamento
Lotta serrata alla prostituzione. In una notte gli agenti della Squadra Volante della questura ternana ne hanno soprese ben cinque, tutte giovanissime e tutte di origine rumena. Due di esse “lavoravano” all’interno di un appartamento nella zona di Borgo Bovio, mentre le altre tre sono state sorprese ad attendere i clienti nella zona del cimitero. A far intervenire la polizia nell’appartamento di Borgo Bovio sono stati alcuni cittadini i quali hanno chiamato il 113 per segnalare la presenza in zona di una casa utilizzata da prostitute. Gli agenti hanno effettuato un appostamento che gli ha consentito di verificare che nei pressi dell’appartamento c’era un notevole viavai di uomini che entravano ed uscivano dalla casa di piacere. Tutti coloro che sono stati fermati dai poliziotti per essere ascoltati, hanno confermato di essersi recati in quell’appartamento per consumare un rapporto sessuale con una prostituta straniera. Gli agenti decidevano così di fare irruzione nei locali dove sorprendevano due ragazze di 21 anni di origine rumena e residenti a Roma che erano lì per prostituirsi. Gli accertamenti successivi portavano ad indagare in stato di libertà una di queste per aver agevolato l’attività di prostituta dell’amica fornendole la disponibilità dell’immobile che aveva regolarmente affittato. Nel corso delle operazioni venivano posti sotto sequestro creme e profilattici usati dalle due ragazze per lo svolgimento della loro attività di meretricio. L’appartamento era stato affittato con il solo ed unico scopo di essere utilizzato quale alcova di piacere da parte delle due giovani prostitute; tutti gli elettrodomestici, infatti, erano staccati ed inutilizzati e le luci erano state montate per creare una atmosfera ovattata ed accogliente. Nel prosieguo delle attività di controllo agenti della Volante rintracciavano nei pressi del cimitero altre tre giovani prostitute rumene le quali venivano indagate in stato di libertà per avere violato il Foglio di Via Obbligatorio emesso dal Questore di Terni.
4/11/2008 ore 18:51
Torna su