23/08/2019 ore 06:44
Viabilità: per la costruzione del nuovo casello di Orvieto Nord il consigliere regionale De Sio (An) teme che si stia perdendo tempo prezioso
“L’ipotesi di realizzazione dell’uscita casello nord di Orvieto sull’autostrada A/1 , non era frutto di fantasie, ma una reale possibilità legata esclusivamente alla volontà di perseguire o meno con determinazione questo obiettivo”. Così Alfredo De Sio (An-Pdl) dopo la riunione istituzionale tra Regione, Provincia di Terni e Comune di Orvieto avvenuta nei giorni scorsi che “recependo la disponibilità della società Autostrade alla realizzazione del casello, individua gli interventi di collegamento viario necessari alla realizzazione di questa importante infrastruttura”. “E’ necessario - sostiene De Sio - che il sistema istituzionale mostri coerenza e unità di intenti evitando scene, quali il colloquio fra sordi, a cui abbiamo assistito nei giorni passati”. “I finanziamenti per la realizzazione del Casello -ricorda- sono disponibili, così come dichiarato dalla Società Autostrade e questo non è in dettaglio trascurabile nell’ordine delle priorità degli interventi che Regione, Comune, e Provincia, devono realizzare sul territorio orvietano”. Per De Sio “è necessario trovare subito una declinazione positiva degli investimenti che vanno effettuati, tutti, senza inutili e dannosi distinguo a cui il Comune di Orvieto sembra tra le righe pensare. Non vorremmo – aggiunge - che questa grande opportunità venisse persa per colpa di un amministrazione comunale, quale quella orvietana, che dopo aver dilapidato in questi anni risorse ingenti con una mala gestione dei propri bilanci, oggi si trincera dietro l’esigenza di politiche virtuose di bilancio rischiando così di vanificare una disponibilità da parte della società Autostrade che oggi c’è e che domani magari, a fronte di immotivati immobilismi, potrebbe non più esserci”. “Ecco perché ci auguriamo, – commenta - avendo sostenuto con convinzione anche contro lo scetticismo di molti la validità di questa importante opera per lo sviluppo del territorio, che si avvii quanto prima la fase di progettazione, al fine di avere la disponibilità dei collegamenti stradali necessari all’apertura del nuovo casello in tempi brevi”. Siamo certi - conclude De Sio - che anche il sistema delle imprese, delle associazioni e quello delle fondazioni, che grande peso hanno nella città, se adeguatamente coinvolti, sapranno mettere in campo idee e risorse da affiancare ad una esplicita volontà pubblica al fine di colmare il gap infrastrutturale esistente e dare al territorio nuove opportunità di sviluppo”.
29/10/2008 ore 5:09
Torna su