23/08/2019 ore 07:23
Terni: Conti (An) si domanda che fine farà la ex caserma dei vigili del fuoco, "perchè non spostarci la Polizia Municipale?"
Si augura che la vecchia caserma dei pomprieri non faccia la stessa fine di quella fatta dalla vecchia sede della polizia stradale e dei carabinieri. Giuseppe Conti, consilgire comunale di An, saluta con soddisfazione il recente trasferimento della caserma dei Vigili del Fuoco presso la nuova sede di Vocabolo Fiori, ma è preoccupato riguardo alla destinazione che si intende dare alla vechia caserma di via Gramsci. "Con sorpresa – dichiara l'esponente di Alleanza Nazionale - apprendiamo che gli immobili contrariamente a quanto previsto e indicato più volte dall’assessore al patrimonio Lamberto Morelli, saranno destinati ad edilizia residenziale privata. Nel PRG era previsto invece il mantenimento dell’area ad uso pubblico. Proprio per questo era stata avanzata l’ipotesi di un trasferimento nell’area della ormai ex caserma dei Vigili del Fuoco, del Corpo della Polizia Municipale, attualmente ospitato in condizioni precarie, negli immobili di via Piero della Francesca per i quali il Comune deve pagare un canone di affitto molto oneroso”. “Il cambiamento della destinazione d’uso della ex caserma dei Vigili del Fuoco – continua Conti - sarebbe stato determinato nella fase di esame dello strumento urbanistico da parte della Provincia, senza che il Comune se ne sia preoccupato. A fronte di questa situazione ci chiediamo come intenda agire l’amministrazione comunale che, ancora una volta, dimostra di non dare seguito ai propri programmi. Restano aperti comunque alcuni gravi problemi: il primo riguarda l’assetto urbanistico dell’area di via Gramsci, già fortemente gravata da interventi edilizi di rilevante entità che si ripercuotono anche sulla viabilità e che non sembra in grado di sopportare un altro nucleo abitativo come quello che dovrebbe sorgere nell’area dell’ex caserma. Il secondo problema riguarda la sistemazione definitiva del corpo della Polizia Municipale che da anni attende una soluzione adeguata e per il quale l’amministrazione continua a spendere cifre elevatissime per l’affitto, che potrebbero invece essere impiegate come investimento per l’acquisto definitivo di nuovi immobili”.

27/10/2008 ore 14:19
Torna su