19/11/2019 ore 13:15
Amelia: sabato 27 e domenica 28 settembre "Giornate del Patrimonio" con iniziative culturali, ambinetali, artistiche e gastronomiche
Storia, cultura, arte, ambiente ed enogastronomia al centro “Amelia nelle Giornate europee”, un’iniziativa dell’Assessorato comunale al Turismo, in collaborazione con la Provincia di Terni e il patrocinio di Regione Umbria, che si inserisce all’interno delle Giornate del Patrimonio promosse dal Fai e dal Ministero dei Beni Culturali. Una due giorni, quella di sabato 27 e domenica 28 settembre, che mobilita tutte le energie della città per un week end di grande fascino e suggestione costruito su visite guidate, esposizioni artistiche, concerti, degustazioni di prodotti tipici, possibilità di apprezzare la qualità architettonica del patrimonio culturale amerino. Un programma fittissimo di iniziative. Visite guidate in tutti i più importanti beni culturali del centro storico e dintorni: museo archeologico, Palazzo Venturelli, Palazzo Petrignani, Palazzo Cansacchi, Palazzo Boccarini, Palazzo Farrattini, Teatro sociale, Cisterne romane e Castello di San Pancrazio, sulla direttrice per Giove. Concerti domenica a Palazzo Cansacchi (Emanuela Carducci, flauto), Palazzo Farrattini (Massimo Bernelli, chitarra), Palazzo Boccarini (Marco onori, viola), Palazzo Petrignani (Annachiara Nobile pianoforte), Palazzo Venturelli (Sara Montani, violino) e Teatro sociale (Marco Ferruzzi, pianoforte), dalle 16, alle 19,00 da Porta Romana a Piazza Marconi, street jazz parade con la “Scialimati Brass Band”. Numerose anche le mostre: Chiesa di San Girolamo, presentazione del restauro della tela di Litardo Piccioli, a Palazzo Boccarini Liberarci-Libera Terra, allestita dai giovani che gestiscono i terreni sottratti alla mafia, a Palazzo Farrattini personale di Lucia Currao, a Palazzo Petrignani “DistrAZioni di Andrea Boccalini e Miriam Nori, a Palazzo Carità altra personale di Shagroun Salah, a Palazzo Pagliericci, mostra di Severino Della Rosa, in Via della Repubblica, personale di Valan e mostra fotografica di Sergio Chiappafreddo, al Circolo di Santa Firmina mostra storica del gruppo Armata Medievale di Amelia, a Palazzo Colonna altra mostra storica degli sbandieratori e dei musici di Amelia e nella sala del Museo comunale mostra del costume storico dell’Ente Palio dei Colombi. Per tutte e due le giornate all’Osteria di Sant’Agostino si potranno gustare dalle 17,00 alle 20,00 i prodotti tipici dell’Amerino. “L’organizzazione delle Giornate del Patrimonio ad Amelia rappresenta – afferma l’Assessore provinciale al Turismo, Fabio Paparelli - un modello innovativo di valorizzazione turistica della risorsa culturale che può e deve diventare un fattore stabile sui mercati di riferimento , nella convinzione che la promozione dei territori contribuisca a fare rete e sistema a livello provinciale, nell’ottica della crescita e dello sviluppo complessivo delle nostre comunità. Il patrimonio amerino è di notevole livello e occasioni di questo genere devono essere sfruttate, come giustamente si sta facendo, per valorizzarlo al meglio”. “E’ un evento di grande importanza – commenta l’Assessore provinciale alla Cultura, Alberto Sganappa – che rilancia l’Amerino e le sue bellezze e fa da polo di attrazione per il turismo romano. Inoltre valorizza il concetto di mobilità intercomunale e di creazione di aree e bacini di interscambio e riferimento fra le realtà a cavallo tra Orvietano e Amerino”. “Abbiamo profuso un grande impegno per l’organizzazione di questa importante due giorni – spiega l’Assessore comunale al Turismo, Franco Santarelli – convinti del valore storico-turistico e culturale del nostro patrimonio. Insieme agli operatori turistici e commerciali abbiamo predisposto un’offerta promozionale integrata con la concreta speranza che il bello e il buono dei nostri giacimenti storici, ambientali ed enogastronomici diventino un vero strumento di promozione della nostra città e del nostro territorio”.
25/9/2008 ore 19:08
Torna su