17/11/2019 ore 07:49
La Guardia di Finanza scopre una azienda locale del settore impiantistica che evadeva il Fisco dal 2000
Aveva messo in piedi un buon giro di clienti e effettuava lavori di continuo, emmettendo regolari fatture ma "dimenticandosi" poi di registrarle. E quindi di pagare tutte le imposte dovute al Fisco, dall'Irpef all'Iva, tanto per citare le più importanti. La grossa truffa, che ha visto protagonista una nota azienda della zona, è stata scoperta dalla guardia di Finanza di Terni che hanno avviato le indagini, tuttora in corso. L'azienda ternana scoperta dalla Fiamme Gialle opera nel settore della impiantistica, e stando a quanto finora accertato avrebbe sottratto al Fisco qualcosa come 2 milioni e trecentomila euro di ricavi ed evaso l’imposta sul valore aggiunto per 450mila euro. L’imprenditore per la sua attività non presentava più dichiarazioni al fisco addirittura dal 2000, ma ciononostante continuava a lavorare con un buon giro d’affari procedendo alla nuova costruzione di impianti meccanici e alla loro manutenzione a favore anche di primarie aziende della provincia utilizzando la propria manodopera specializzata; unico particolare è che, pur emettendo le fatture per le prestazioni effettuate, non le registrava e, conseguentemente non dichiarava al fisco gli incassi percepiti, sottraendosi a qualsiasi forma di imposizione tributaria. Nel caos contabile prodotto dall’imprenditore, si sono inseriti i finanzieri del Comando Compagnia di Terni che, hanno ricostruito il volume d’affari ascoltando anche i numerosi clienti dell’azienda e al fine di appurare altresì con certezza le relative modalità di pagamento. Obiettivo della Guardia di Finanza, una volta quantificata l’entità dell’evasione fiscale posta in essere e contabilizzata in 2 milioni e trecentomila euro, è infatti quello di far si che sia possibile ricostruire l’attuale dimensione patrimoniale dell’imprenditore, allo scopo di poter procedere alla confisca dei beni di cui sia eventualmente proprietario e di inserirsi nel procedimento di fallimento a cui è andata incontro la società.
16/9/2008 ore 7:35
Torna su