13/11/2019 ore 13:40
Energia: sulla richiesta della Ast-Tsk di poter attingere acqua dai fiumi, il presidente della Provincia Cavicchioli spiega i percorsi da fare
Il Presidente della Provincia di Terni, Andrea Cavicchioli, è intervenuto stamattina in relazione alla lettera che l’a.d. di Tk-Ast, Harald Espenhahn, ha inviato alla Provincia, alla Regione e al Comune di Terni sulla manifestazione di interesse alle concessioni idroelettriche sui corsi d’acqua del territorio sulle grandi derivazioni. Tenendo conto della titolarità dell’Amministrazione provinciale del procedimento relativo alle concessioni inerenti il settore idroelettrico, il Presidente ha reso noto che è in corso di istituzione un gruppo di lavoro fra i tecnici dei servizi dell’Ente interessati per la predisposizione di tutti gli atti riferiti alle grandi derivazioni idroelettriche con scadenza 31 dicembre 2010. Le derivazioni in questione sono quelle relative a Endesa Italia, per le centrali di Nera Montoro, Medio Nera, località Pennarossa, Galleto, Monteargento, Corbara-Orvieto, Narni, e Acea spa nella centrale Marconi-San Liberato. “Il gruppo di lavoro – ha spiegato Cavicchioli – attiverà il confronto con i funzionari preposti della Regione e si avvarrà, ove necessario, anche di esperti esterni, dovendo preliminarmente verificare l’eventuale proroga dei termini indicati, tenendo conto di normative intervenute e di pronunciamenti in materia della Corte Costituzionale. Chiarito il punto pregiudiziale – ha affermato il Presidente – si procederà alla predisposizione di nuovi provvedimenti di concessione, sulla base di selezioni nel rispetto delle leggi che regolano il settore. Per quanto riguarda lo sfruttamento a fini idroelettrici dei corsi d’acqua provinciali – ha aggiunto sempre Cavicchioli -, dopo aver approvato il piano predisposto dall’Università di Perugia, che tiene conto di tutti i fattori indispensabili, entro dicembre verrà pubblicato un bando per consentire la presentazione di progetti e la loro valutazione. Questo – ha concluso il Presidente – è il quadro di riferimento entro il quale va positivamente inquadrata la manifestazione di interesse di TK-Ast che deve calarsi in queste dinamiche e prevedere risorse finanziarie adeguate e partnership qualificate”.
8/8/2008 ore 17:05
Torna su