20/11/2019 ore 19:58
Orvieto: problemi e disagi per i pendolari sulla tratta ferroviaria di Roma a causa delle mancate coincidenze
“Se vogliamo promuovere l’utilizzo da parte dei cittadini dei mezzi pubblici, cercando di limitare l’utilizzo delle auto private, non si può non porre la giusta attenzione sulla frequenza e sugli orari dei treni, soprattutto dei lavoratori pendolari”. E’ con questa motivazione che Gianluca Rossi, capogruppo del Partito democratico a Palazzo Cesaroni, ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale sui disagi provocati dalle mancate coincidenze dei treni delle Ferrovie dello Stato nei collegamenti tra Orvieto e Roma. Rossi spiega che “sono circa 1500 i pendolari orvietani che quotidianamente utilizzano il percorso ferroviario Roma - Firenze e che hanno richiesto in più sedi una modifica degli orari dei treni per avere più opportunità di collegamento tra Orvieto e Roma”. Rossi cita come esempio di malfunzionamento della rete il treno regionale numero 2326, che parte da Roma Termini alle 20,33 ed arriva in stazione ad Orvieto alle 21,50. “Troppo spesso per i pendolari orvietani è impossibile usufruire delle coincidenza a causa dei continui ritardi che accumula il regionale 2326 – sottolinea il capogruppo Pd – e si trovano costretti ad attendere il treno successivo che parte dopo 40 minuti e che arriva a destinazione alle 22,31. Questo orario d’arrivo – rimarca Rossi – incide in maniera rilevante sulla qualità della vita dei lavoratori e degli studenti, costringendoli spesso a rinunciare al treno, optando per spostamenti con la propria auto. Il disagio provocato a centinaia di pendolari orvietani da questi orari, va a sommarsi ai frequenti disservizi e agli aumenti tariffari”. Interrogando la Giunta sulle possibili azioni da intraprendere rispetto a Trenitalia per migliorare il servizio, Rossi individua come possibile soluzione la modifica dell’orario del treno regionale numero 12178, che parte da Orte alle ore 21,17 diretto a Chiusi e che si ferma ad Orvieto alle 21,50: “lo scopo – conclude Rossi – è di metterlo in coincidenza con il treno proveniente di Roma”.
30/7/2008 ore 5:29
Torna su